Video – Isis taglia mani e piedi a ragazzini di 14 anni “perché non collaborano”

 

Mohammed, 14 anni, usa una sedia a rotelle per muoversi nel piccolo appartamento dove vive, nella città turca di Sanliurfa, con il fratello e un amico di famiglia che gli fa da infermiere.

L’appartamento si trova al terzo piano di un edificio in rovina. Non ha l’aria condizionata. Le porte sono strette e la sua sedia a rotelle non passa, così Mohammed, originario della Siria orientale, spesso si muove nell’appartamento saltando un piede.

ISIS ha tagliato la mano destra e il piede sinistro di Mohammed due settimane fa. I miliziani hanno cercato di trasformarlo in un bambino soldato e lo hanno mutilato perché si rifiutava di collaborare.

Ahmed è un altro ragazzo dalla stessa zona della Siria come Mohammed, ma due anni e mezzo più grande di lui e  dice che  ISIS lo ha costretto a combattere per il gruppo con minacce e false promesse. Ha iniziato come aiutante, servendo il pasto ai ribelli e facendo commissioni, fino a quando finalmente ha guadagnato abbastanza rispetto per avere diritto ad avere una pistola.

Le interviste di NBC News a Mohammed, Ahmed, ad attivisti siriani e ad un ex comandante ISIS che ha disertato, rivelano una strategia dell’ISIS per reclutare e schierare un esercito di bambini soldato, attraverso il lavaggio del cervello fino a che non sono pronti a farsi esplodere o ad effettuare attacchi terroristici in Medio Oriente e all’estero, e la brutalità contro chi si rifiuta di collaborare.

Molto è stato scritto sulle  mostruosità dell’ISIS verso ragazze costrette a diventare spose bambine o schiave del sesso, passando da un combattente all’altro. Questa è la storia di ciò che ISIS sta facendo ai i ragazzi nelle zone sotto il suo controllo.

L’equilibrio di potere si è spostato in Siria orientale nel 2014, dopo che ISIS ha conquistato la città irachena di Mosul e si è impadronito delle armi di fabbricazione americana abbandonate dall’esercito iracheno in fuga. ISIS ha rapidamente conquistato la Siria orientale ed  ha avuto inizio il suo regno del terrore.

Mohammed, Ahmed e altri ragazzi che avevano lavorato con i ribelli si nascosero allora. “Siamo stati a casa per sette mesi”, dice Mohammed. “Più tardi, ISIS ha iniziato ad arrestare i membri dell’esercito libero (siriano). Un giorno un gruppo di combattenti ISIS si presentò alla sua porta per prenderlo. Ahmed riuscì poi a fuggire in Siria orientale, ma si trovò in una parte sconosciuta del paese, senza amici, soldi o altre possibilità.

In seguito Mohammed fu scoperto, arrestato e rinchiuso in un carcere ISIS per due mesi. Lui dice che era in una stanza con altri 75 ragazzi e uomini. Dice che sono stati tutti torturati selvaggiamente, picchiati negli stinchi con mazze e con scosse elettriche ai genitali. “Molte persone sono morte lì. Niente acqua, niente elettricità. Hanno fornito acqua due volte al giorno. Abbiamo usato il bagno una volta al giorno”, dice Mohammed.

Ahmed ha poi accettato l’offerta di ISIS di “pentirsi” frequentando una scuola di indottrinamento. Dice che particolare attenzione viene data ai ragazzi come lui per il lavaggio del cervello.  Mohammed era convinto che, se fosse andato a quella scuola, sarebbe stato inviato in prima linea per morire o utilizzato come un attentatore suicida, così ha deciso di tentare la fuga con un gruppo di amici.

Nel giro di poche ore, è stato preso e portato davanti a un giudice ISIS, accusato di voler lasciare il regno del “vero Islam” per la terra degli infedeli, che ISIS considera ovunque.

“Mi disse ‘Questo è il giudizio di Dio. Stavi per andare nella la terra degli infedeli … quindi tu sei come loro. Ti taglieremo mano e piede.’”. La punizione è stata effettuata il giorno successivo. Ciò che Mohammed ha descritto dimostra la brutalità sistematica di ISIS contro chi lo contesta, compresi i giovani.

Il rituale “taglio” si svolge in un’atmosfera di carnescialesca  con una folla riunita nella piazza della città che ti schernisce. Una sezione d’onore nella piazza è riservata ai figli dei combattenti stranieri, racconta il ragazzo.

La punizione di Mohammed era quella di avere gli arti opposti tagliati: la mano destra  e il piede sinistro.  Il ragazzo dice che prima della mutilazione le parti da tagliare sono state disinfettate e gli operatori indossavano guanti da chirugo. Gli è stata fatta anche un’iniezione, ma non sa di cosa si trattasse; gli hanno detto che era anestetico.

isis-mutilazioni

Lo scopo delle amputazioni non è infatti quello di uccidere la vittima, ma di mutilarla per sempre.

Il primo taglio è stato accolto dalla piazza con grida celebrative “Allah Akbar” – Dio è il più grande ‘. Il rito è stato poi ripetuto per tagliare il suo piede. Mohammed è stato quindi portato in una clinica dell’ISIS dove la sua pelle è stata tesa e cucita sui monconi. La madre lo ha poi prelevato dalla clinica e lo ha portato a casa in Turchia, un paio di giorni più tardi.

isis-mutilaz2

A differenza di Mohammed, Ahmed stava cooperando. Ma ISIS ha continuato ad aggiungere richieste. Quando il corso di lavaggio del cervello fu concluso, ad Ahmed fu detto che era ormai un combattente ISIS e fu inviato al fronte. Con nessuna idea di dove stesse andando, Ahmed è stato caricato su un autobus e portato in provincia di Anbar in Iraq. Da lì è riuscito a fuggire in Turchia

Mohammed e Ahmed dicono entrambi che ISIS sta cercando di creare un nuovo esercito di ragazzi.

“Stanno prendendo in giro i bambini con i soldi”, ha detto Mohammed. “Danno un ragazzo un po ‘di denaro, o una bicicletta e dopo due giorni li portano in una macchina per usarli come kamikaze. Prendono di mira i bambini più piccoli. Si concentrano sui bambini, perché non sono a conoscenza di nulla in questa vita.”

Mohammed è stato mutiliato da ISIS solo due settimane fa. Piange ogni volta che le bende vengono cambiate. Ha incubi, bagna il  letto e si confonde. La settimana scorsa, ha dimenticato di non avere piu’ il piede ed è caduto dalle scale del palazzo in cui abita. Suo fratello lo porta fuori ogni giorno per fargli un po ‘d’aria fresca.

“Posso dormire solo dopo aver preso dei sonniferi”, ha detto Mohammed. “Il momento più difficile è quando vado a dormire. Il dolore inizia. Durante il giorno, mi siedo in strada e guardare la gente che passa, per dimenticare il dolore.”

Ma Mohammed dice che ciò che gli ha fatto male, più di cadere giù per le scale, è stato quando un uomo  gli si è avvicinato per dargli 50 lire turche, l’equivalente di circa 15 dollari. Maometto non chiedeva l’elemosina. Stava seduto sulla sua sedia a rotelle, come dice lui, per dimenticare il dolore.

Quando ha visto il denaro ha cominciato a piangere. Si è reso conto di essere  diventato ciò che in arabo si chiama “miskeen,” qualcuno che merita pietà. Non è così che Mohammed si vede, ma si è reso conto che è così che gli altri lo vedono.

nbcnews.com



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -