Rimini, stupro di Ferragosto: fermato un senegalese

È stato fermato stamattina il presunto autore della violenza sessuale della notte di Ferragosto sulla spiaggia di Rimini ai danni di una ventenne milanese. Ad annunciarlo l’account Twitter della polizia. Il fermo è avvenuto ad opera della task force organizzata dalla questura di Rimini per pattugliare le spiaggia e il lungomare anche con agenti in borghese.

“Il presunto autore della violenza sessuale – scrive la polizia in un tweet, postando anche una foto di spalle del fermato – ha 27 anni è del Senegal e risiede in Piemonte”.Secondo la ricostruzione della forze dell’ordine, riportata su Facebook, la ragazza stuprata, una ventenne in vacanza con un gruppo di amici, era in spiaggia alla ricerca dei suoi compagni di viaggio per rientrare insieme in albergo dopo aver trascorso la serata ad una festa.

Intorno alle 5 di mattina la vittima ha incontrato sulla spiaggia un ragazzo di colore che, dapprima mostratosi gentile, poi l’ha trascinata tra le cabine di uno stabilimento balneare violentandola. Le urla della donna hanno messo in fuga il violentatore. In suo aiuto sono arrivati dei passanti che l’hanno soccorsa.La task force investigativa si è messa subito al lavoro anche grazie alla descrizione fornita dalla ragazza, quella di un giovane alto, snello e con le treccine ai capelli, che è stato cercato in tutta la provincia. Dopo aver individuato una serie di sospetti, la polizia di Rimini ha chiuso il cerchio intorno al 27enne. (LaPresse)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -