Yazidi all’Onu: non dimenticate le nostre donne nelle mani dell’Isis

 

L’estate scorsa, migliaia di membri della minoranza yazida nel nord dell’Iraq fuggivano i loro villaggi davanti all’avanzata dei jihadisti dell’Isil. Un esodo a cui molti non sopravvissero, ma che sembrava preferibile all’unica alternativa, quella di essere uccisi o ridotti in schiavitù.

Domenica, alcuni tra i sopravvissuti hanno manifestato davanti a una rappresentanza Onu nella città irachena di Erbil per chiedere che le loro sorelle non siano abbandonate.

“Siamo qui per chiedere protezione – afferma un’attivista – perché la comunità yazida è una minoranza e dobbiamo essere protetti dai terroristi dell’Isil: specialmente le donne, molte delle quali sono ancora prigioniere dei jihadisti e subiscono ogni genere di abusi”.

Per centinaia di migliaia di yazidi scampati alla furia del sedicente Stato islamico, non vi è al momento alcuna prospettiva di un prossimo ritorno a casa. Molti sono ospitati come rifugiati nei campi allestiti a Dohuk ed Erbil, nell’Iraq settentrionale.

Prevalentemente curdi, la loro religione ha origine nell’Islam, nel Cristianesimo e nello Zoroastrismo.

Ma l’ONU è in tutt’altre faccende affaccendata, impegnata a depredare miliardi ONU: “sviluppo sostenibile”, servono almeno 3,3mila miliardi di dollari



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -