Atomiche su Hiroshima e Nagasaki: ancora non riconosciute come crimini contro l’umanità

Il 6 agosto 1945 alle ore 8:16 del mattino, l’Aeronautica militare statunitense sganciò la bomba atomica “Little Boy” sulla città giapponese di Hiroshima, seguita tre giorni dopo dal lancio dell’ordigno “Fat Man” su Nagasaki. Il numero di vittime dirette è stimato da 100 000 a 200 000, quasi esclusivamente civili.

Hiroshima

Lettera a ImolaOggi – riceviamo e pubblichiamo

Gentilissimo Direttore,

i principi in base ai quali vengono definiti i crimini di guerra dovrebbero valere per tutti, e cioè non solo per i vinti, ma anche per i vincitori. Si sa che sono questi ultimi a scrivere i libri di storia, con le ovvie falsificazioni annesse e connesse.

Se vale il principio secondo cui un comportamento criminale non può essere bellamente passato sotto silenzio, allora il presidente americano Truman andrebbe a pieno titolo riconosciuto come criminale di guerra. A lui si deve la decisione dell’istantaneo sterminio con l’atomica di decine di migliaia di uomini, donne e bambini innocenti. Un’azione dimostrativa dei terrificanti effetti dell’atomica su un obiettivo militare lontano da città popolose avrebbe ottenuto gli stessi risultati, cioè di indurre il Giappone alla resa, ma a un prezzo ben diverso.

 

Se si può arrivare a giustificare l’impiego della prima bomba su Hiroshima, il che a me pare in ogni caso una aberrazione, ciò non è comunque concepibile per la seconda, quella su Nagasaki, a tre giorni di distanza. Non trovo altri termini per definire le due decisioni, e ancor più la seconda, che quello di “crimini di guerra” o, se si preferisce, di “crimini contro l’umanità”.

Oltre tutto, per la cronaca, Truman fu pure falso e bugiardo, raccontando una delle più grosse menzogne della storia, in quanto riferì agli Americani che era stata colpita un’importante base militare giapponese: fu questa infatti la notizia riportata da tutti i giornali dopo lo scempio di Hiroshima. Solo per ragioni di convenienza e di pelosa ipocrisia (i principi non contano quando ci sono di mezzo gli interessi concreti) le atomiche su Hiroshima e Nagasaki non sono ancora ufficialmente riconosciute dalla comunità internazionale come crimini contro l’umanità. Esse tuttavia rappresentano un atto infame, anche se compiuto da un presidente statunitense, e una macchia indelebile che il tempo non potrà cancellare. Certamente riesce difficile usare per tutti (vinti e vincitori) lo stesso metro di misura, soprattutto se i vincitori si chiamano Stati Uniti, ma, per perseguire verità e giustizia, credo che sia doveroso e utile provarci.

Con i più distinti e cordiali saluti.

Omar Valentini



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -