Presunti profughi da oltre un anno in hotel a 4 stelle: non è solidarietà, è follia

Per gli ospiti c’è tutto: acquapark, percorso idromassaggio, piscina semiolimpica e campi da calcetto, calcio, tennis e pallavolo. Non solo, perché il villaggio è immerso nel verde

 

hotel

Un villaggio turistico di alto livello per i migranti. Anzi, di lusso se si considerano le 4 stelle e il luogo bellissimo dove si trova il villaggio “Le Campole” in provincia di Caserta.

Come scrive il giornale, per gli ospiti c’è tutto: acquapark, percorso idromassaggio, piscina semiolimpica e campi da calcetto, calcio, tennis e pallavolo. Non solo, perché il villaggio è immerso nel verde, con la possibilità di fare lunghe passeggiate nella macchia mediterranea, bird watching ed ercursioni culturali con guide private. Bellissmo. Ma in questa meraviglia da oltre un anno sono ospitati cento migranti, pagati a spese dello stato. Cioè di tasca nostra.

“Al primo impatto – si legge sul sito del villaggio – colpisce questa radura che si apre in mezzo a boschi secolari, nel silenzio corroborante della natura intatta, offrendo queste rustiche costruzioni che si integrano con la natura circostante”. Un paradiso, praticamente. Il villaggio, inoltre, dispone di camere con servizi privati telefono e tv-color. Inoltre, tutte le stanze si affacciano su “eleganti salottini” dove vengono offerti durante l’estate “pre-after lunch dinner cocktail”. Un bel luogo per i profughi dove attendere di ottenere (o meno) il diritto d’asilo in Italia.

La denuncia arriva dalla pagina Facebook di Matteo Salvini, che sul suo profilo pubblica il link del sito del villaggio e commenta: “Villaggio turistico con campi da tennis, calcetto e pallavolo, sale tivù, bar e parcheggi, da oltre un anno ospita (a spese vostre) un centinaio di immigrati. E gli immigrati spesso hanno pure il coraggio di protestare! Questa per voi è solidarietà o follia?“.

Prababilmente è follia.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -