Vescovi, Migrantes: un popolo di 170mila Rom merita rispetto

 

“L’etnia rom è stata strumentalizzata per fini elettorali e scopi politici che possano generare uno scontro sociale, un vero e proprio percorso di odio che rischia di non essere controllato, ma di fomentare ulteriore violenze, se non addirittura altri morti”.

Lo denuncia una nota della Fondazione Migrantes, promossa dalla Cei.

“L’episodio tragico e drammatico sulla strada nel quartiere Boccea non può che essere condannato fermamente”, si legge nel testo insieme all’auspicio che “le persone colpevoli dell’omicidio e del ferimento di altre, si costituiscano al più presto e si segua un percorso di giustizia e di pena certa”.

Al tempo stesso, Migrantes, afferma la nota, auspica però che “si finisca al più presto di incitare con frasi insensate e pericolose e gesti irresponsabili un percorso di odio razziale”. Per Migrantes, dunque, la legalità va difesa “unitamente al rispetto della dignità di ogni persona, anche di una minoranza, non ancora riconosciuta nel nostro Paese, quale è il popolo di 170.000 Rom che meritano il rispetto che si deve ad ogni persona”.



   

 

 

1 Commento per “Vescovi, Migrantes: un popolo di 170mila Rom merita rispetto”

  1. Portaleli a casa vostra e dopo un anno diteci se il rispetto che chiedete per questi esseri vale la pena essere speso, a me basta guardare le condizioni in ogni campo dove abitano, per comprendere che il rispetto non lo meritano affatto.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -