“Il Wi-fi è lento”, 4 operatrici sequestrate da presunti profughi

 

Sequestrate e salvate dalla Polizia. È una storia che gronda irriconoscenza quella che raccontano tre operatrici della cooperativa Salam.  Sul tavolo queste ragazze mettono le denunce consegnate alla Polizia. La prova documentata di un sequestro subito ad opera di un gruppo di stranieri, ospitati nel centro di Paolo VI. E dai quali sono state liberate solo dopo l’intervento degli agenti.

Una brutta storia per la quale quattro stranieri sono finiti in carcere. Per poi essere allontanati dal centro Salam proprio per tutelare quelle tre vittime. Il fattaccio risale al 15 maggio, come riporta il QuotidianodiPuglia che parlas di 48 uomini, quasi tutti africani, che inscenano una protesta. Non gli va la gestione.

Tra le motivazioni del malcontento il cattivo funzionamento della rete wi fi, rallentata dai troppi contatti. Basta questo a far salire la tensione. . A sentir loro fuggono dalle cose peggiori del mondo, fame, guerra, ecc… ma qui montano in bestia anche perché non funziona la wi fi.

Ad alta voce – aggiunge la ragazza – uno di questi urlava con fare minaccioso “tu dormi qui stanotte” e che non potevo andare da nessuna parte». Fatto sta che quel giorno, le operatrici, dopo quasi due ore di sequestro sono state liberate dall’intervento della Polizia. Quattro africani sono finiti al fresco, bloccati in flagranza di reato.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -