Serbia: Nuovo stabilimento Calzedonia, dara’ lavoro fino a 600 persone

Un nuovo stabilimento del gruppo italiano di abbigliamento Calzedonia e’ stato ufficialmente inaugurato oggi a Ruma, nel nord della Serbia, poco a ovest di Belgrado. La fabbrica, che produrra’ costumi da bagno, ha comportato un investimento di 10 milioni di euro e dara’ lavoro fino a 600 persone. Attualmente i dipendenti sono 325. All’inaugurazione sono intervenuti il premier serbo Aleksandar Vucic, il ministro dei trasporti e infrastrutture Zorana Mihajlovic, l’ambasciatore d’Italia a Belgrado Giuseppe Manzo e il presidente del gruppo Calzedonia Sandro Veronesi.

Il premier Vucic ha ringraziato gli imprenditori italiani che investono in Serbia, ribadendo l’impegno del suo governo ad attuare le riforme e ad attrarre ulteriori investimenti. Il premier ha al tempo stesso ringraziato il governo italiano e il ministro degli esteri Paolo Gentiloni per il costante appoggio alla Serbia nel suo cammino verso l’integrazione europea.

L’apertura dei primi capitoli negoziali, ha detto, servira’ anche a portare in Serbia piu’ investimenti, ad aprire nuove fabbriche e a creare nuovi posti di lavoro. Un grazie da Vucic anche all’ambasciatore Manzo, costantemente impegnato a favore dell’afflusso di nuovi investimenti italiani.

Manzo da parte sua ha sottolineato l’importanza degli investimenti per il consolidamento finanziario in Serbia, e le aziende italiane, ha osservato, possono dare in cio’ un importante contributo. “Sono contento di vedere qui una azienda italiana che si sviluppa e cresce investendo sui mercati stranieri”, ha detto l’ambasciatore. “Una maggiore presenza di imprese italiane in Serbia contribuisce a far crescere l’economia serba”, ha aggiunto.

Quella inaugurata oggi e’ la terza fabbrica del gruppo Calzedonia in Serbia. Prossimamente ne verra’ aperta una quarta ad Apatin, nel nord del Paese. (ANSAmed)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -