Indonesia: immigrati si massacrano tra loro a colpi di machete. Tratti in salvo

 

INDONESIA – L’Indonesia continua  salvare migranti. 600 persone, la maggior parte dei quali di etnia rohingya (minoranza musulmana in Myanmar) e bangladesi sono stati soccorsi al largo della costa indonesiana di Aceh.

 

 

Affiorano racconti raccapriccianti dai migranti sopravvissuti ai drammatici viaggi sui barconi provenienti da Birmania e  Bangladesh. In un campo profughi nella provincia di Aceh, nel Nord della provincia indonesiana di Sumatra, alcuni hanno raccontato di una vera e propria guerra fra disperati, per procacciarsi le ultime scorte di acqua e cibo, a bordo dei barconi alla deriva sui quali erano stati abbandonati dai trafficanti.

Una battaglia feroce a colpi di coltelli, bastoni e machete nella quale sarebbero morti almeno un centinaio di migranti, molti dei quali annegati, e che ha visto fronteggiarsi da un lato gli islamici rohingya, dall’altro i bangladesi. Molti sopravvissuti hanno mostrato lividi, ferite e cicatrici.

profughi-indonesia

I due campi si accusano reciprocamente di aver attaccato gli altri: “All’improvviso i bangladesi sono arrivati sul ponte superiore e ci hanno aggredito”, ha raccontato un giovane rohingya di 22 anni. “Per salvarsi bisognava buttarsi in mare, ma mio fratello non c’è riuscito. Lo hanno picchiato e poi gettato in acqua”.

I bangladesi sostengono invece che i rohingya impedivano loro di mangiare e bere. Quando gli scontri fra i due gruppi sono diventati fuori controllo, il barcone ha cominciato ad imbarcare acqua e ad affondare e molti migranti sono morti annegati. tiscali

L’ONU dice che Thailandia, Indonesia e Malesia hanno respinto i disperati dalle loro coste e che la crisi umanitaria nel Sud-est asiatico è scoppiata circa 10 giorni fa, invece centianaia sono già stati tratti in salvo fin dal 12 maggio

Navi europee sono attive per istruzioni di soccorso  già  da un mese presso le isole Seycelles

EU Naval Force Warship HNLMS



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -