Expo, pestaggio al poliziotto: Ventura resta in carcere “indole violenta”

 

expo18

 

Marco Ventura, il giovane arrestato stamane per il pestaggio di un poliziotto durante il corteo No Expo del primo maggio, ha “un’indole estremamente violenta” e puo’ “commettere gravi atti della stessa specie” di quelli che l’hanno portato in carcere. Lo scrive il gip Donatella Banci Buonamici per spiegare le esigenze cautelari a suo carico. Nel provvedimento, il giudice osserva che l’aggressione effettuata da Ventura e da altri due uomini (uno denunciato, l’altro, col casco, non identificato) costituiscono una sola azione “collettiva connotata da estrema violenza che ha oltrepassato di gran lunga” il fine di evitare l’arresto della manifestante Anita Garola, che poi e’ finita in carcere, dove si trova tuttora, quella stessa sera.

expo-ventura

Un’aggressione, spiega il giudice accogliendo la richiesta del pm Piero Basilone, “deliberatamente” attuata dai tre “i quali hanno condiviso ciascuno le condotte contestuali degli altri e rafforzato ciascuno i propositi degli altri autori allo scopo di fare del male e ledere gravemente” Antonio D’Urso, il dirigente rimasto seriamente contuso per le bastonate, i calci e i pugni presi.

“Se il funzionario non avesse avuto il casco protettivo – osserva il gip – ben gravi sarebbero state le conseguenze sulla sua incolumita’”. L’aggressione e’ “grave”, si legge nel documento, “anche perche’ attuata non per impedire l’identificazione e l’arresto della propria persona bensi’ di un terzo gia’ resosi responsabile di altri atti di resistenza a pubblico ufficiale”, assicurandone quindi “l’impunita’”. Il giovane non viene considerato, almeno stando agli elementi fin qui emersi, come appartenente al gruppo dei black bloc.
Proseguono intanto le indagini coordinate dal procuratore aggiunto Maurizio Romanelli per identificare i componenti del ‘blocco nero’ che ha devastato la citta’. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -