Usa: hacker “sono arrivato ai comandi di un aereo in volo”, arrestato

 

Un hacker americano sostiene di essere riuscito ad arrivare ai comandi di un aereo in pieno volo: lo ha confessato all’Fbi lui stesso, Chris Roberts, un esperto in cybersecurity, che dice di voler lottare per “una buona causa”, la sicurezza dei computer nelle cabine di pilotaggio. L’uomo e’ stato arrestato.

Roberts e’ stato interrogato dall’inizio dell’anno tre volte, le prime due su sua espressa richiesta, la terza perche’ costretto. Nelle prime due occasioni, a febbraio e marzo, Roberts voleva allertare l’amministrazione americana di esser riuscito a entrare nei sistemi di intrattenimento della Boeing; e racconto’ di averlo fatto tra le 15 e le 20 volte, tra il 2011 e il 2014. Secondo la Cnn, Roberts voleva mettere in luce la vulnerabilita’ di tre tipi di Boeing e di un modello Airbus.

La terza volta e’ stato interrogato dopo esser stato arrestato all’aeroporto di Siracusa, in Usa, il 15 aprile scorso. In quell’occasione fu la United Airlines ad allertare l’Fbi perche’ Roberts aveva postato dei ‘tweet’ in cui diceva che poteva entrare nel sistema dell’aereo su cui volava e far cadere le maschere di ossigeno nella cabina passeggeri. Roberts era in viaggio su un volo United da Denver e Chicago, che faceva tappa a Siracusa. Rintracciando il velivolo, gli agenti dell’Fbi hanno trovato i segni di manomissione delle scatole di controllo elettronico che si connettono ai sistemi di intrattenimento in volo; e le scatole manomesse erano proprio sotto il sedile di Roberts.

Contestando le possibilita’ di hackeraggio, la Boeing ha replicato facendo notare che i suoi sistemi di intrattenimento sono “isolati dai sistemi di volo e navigazione” e ha aggiunto che sui propri aerei “non puo’ avvenire alcuna modifica ai piani di volo senza la revisione e l’approvazione del pilota”.
Airbus, che non ha rilasciato alcun commento, nel passato ha pero’ dichiarato di esser dotata di ‘firewall’ che limitano l’accesso ai sistemi di volo e che comunque “valuta e rivede costantemente l’architettura del sistema” per assicurarsi che i piani siano sicuri. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -