Strage tribunale Milano, vigilantes: Ciardiello non aveva la pistola

 

“E’ semplicemente impossibile che Claudio Giardiello sia passato sotto il metal detector dall’ingresso di Via San Barnaba con un’arma addosso e che non sia stato controllato. Lo escluso nella maniera più assoluta”. Chi parla è la guardia giurata che lavora per l’agenzia All System e che era in servizio ai varchi di Via San Barnaba la mattina del 9 aprile scorso, giorno in cui Giardiello esplose 8 colpi di pistola all’interno del Palazzo di Giustizia di Milano uccidendo 3 persone (il giudice Fernando Ciampi, l’avvocato Lorenzo Claris Appiani e l’imprenditore Giorgio Erba) e ferendone altre due.

Stando a quanto emerso nei giorni scorsi dagli ultimi sviluppi dell’inchiesta condotta dalla Procura Brescia, il killer del Tribunale sarebbe entrato intorno alle 8.40 di mattina dall’ingresso di Via San Barnaba, e non – come era stato ipotizzato nella prima fase delle indagini – dalla porta di via Manara, riservata esclusivamente ad avvocati, magistrati, giudici, personale amministrativo e altri “addetti ai lavori” della macchina della giustizia milanese.

Secondo i vigilantes che quella mattina presidiavano l’accesso, se anche Giardiello fosse entrato da quell’ingresso, di sicuro non poteva avere addosso la pistola usata successivamente per sparare. tiscali



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -