Crisi, si suicida nel suo ufficio l’imprenditore Paolo Gargantini

 

Imprenditore di successo. E politico stimato. Era molto conosciuto a Monza e nella “sua” Cernusco, Paolo Gargantini, l’ex assessore al comune di Monza morto lunedì mattina nel suo ufficio di via Napo Torriani 30.

gargantini

 

Il suo cadavere, che presentava una ferita da arma da fuoco, è stato trovato poco dopo le 10 in una stanza dell’azienda “San Marco”, di cui Gargantini era amministratore delegato. Sul caso indagano i carabinieri di Cassano d’Adda, ma dalle prime informazioni sembra che si sia trattato di un suicidio.

Gargantini, dal 2007 al 2012, era stato assessore alle attività produttive del Comune di Monza nella giunta guidata da Marco Mariani. Prima e dopo la politica era diventato imprenditore di successo.

Dal 1999 al 2003 era stato infatti presidente dei giovani industriali di Monza e Brianza. Esattamente dieci anni dopo, poi, era diventato vicepresidente di Confindustria.

Il nome di Gargantini era comparso anche nelle carte dell’inchiesta “Briantenopea”, insieme a quello di altri politici che sarebbero stati in contatto con il boss Giuseppe Esposito. L’ex imprenditore, che aveva sempre respinto le accuse, non era mai stato indagato.

A spingerlo all’ultimo drammatico gesto potrebbero essere stati dei problemi finanziari di cui Gargantini non aveva parlato a nessuno. Ma al momento sul caso, i carabinieri tengono il massimo riserbo. (da Monza Today)

today.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -