Biennale: chiesa diventa moschea, i calzini dell’”artista” nell’acquasantiera

Un pugno allo stomaco. L’acquasantiera della chiesa di Santa Maria della Misericordia – la chiesa veneziana trasformata in moschea per la Biennale - trasformata in lavabo, con tanto di calzini (sembrerebbero usati, quindi sporchi) che penzolano dal marmo.

calzini-biennale

 

Ieri pomeriggio, la scoperta che ha lasciato tutti basiti.

A fianco della bussola d’ingresso, due calzini che penzolavano dall’acquasantiera, dove i cristiani conservano l’acqua benedetta per segnarsi con il segno della Croce all’atto di entrare in chiesa. Una provocazione bella e buona, spiega il capogruppo di Fdi in consiglio comunale, Sebastiano Costalonga: “Sembra che a lasciare lì i calzini non siano stati gli islamici ma l’artista che ha realizzato l’installazione”.

Il sedicente artista è noto per lavori dal carattere politico-sociale (rifugio di tutti quelli che fanno politica spacciandola per arte). Ovvero, quando l’arte scarseggia, si mette in scena la provocazione.
UN INSULTO ALLA STORIA E ALL’ARTE VENETA.

La Chiesa intanto è in tutt’altre faccende affaccendata, tutta tesa a importare migranti e incontrare vecchi comunisti.

E’ della settimana l’incontro fra Castro e Bergoglio che ha un aspetto molto interessante: nello stesso giorno in cui il presidente cubano  ha incontrato il papa, la figlia Mariela ha guidato un gay pride all’Avana per promuovere i diritti degli omosessuali, sotto gli occhi divertiti di un pretonzolo.

cuba-pride-castro



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -