Bergoglio telefona alla Bonino: abbiamo parlato di carceri e migranti

Se costruisci una carriera andando contro la chiesa, a favore dell’aborto e dell’eutanasia, Bergoglio ti telefona a casa.

novatican

“Ieri pomeriggio ho ricevuto una tanto inaspettata quanto graditissima telefonata di sua santità Papa Bergoglio. Un segno di attenzione straordinaria di cui sono molto, molto grata”. Lo rivela Emma Bonino, intervistata da Radio Radicale. “Si è informato della mia salute – aggiunge la storica esponente radicale – incoraggiandomi a tenere duro, cosa che sto facendo con tutte le mie forze.”

Poi Bonino aggiunge: “Gli ho ricordato che i migranti, se mai riusciamo ad accoglierli, poi li mettiamo tutti in carcere, le carceri ne sono piene. E gli ho ricordato anche la conversazione che abbiamo avuto in aprile e che poi propiziò la telefonata di sua santità a Marco Pannella, in clinica allora per un difficile intervento. Gli ho ricordato che in ogni caso Pannella e i Radicali (sostenuti dal sicario economico miliardario Soros, ndr) continuano su questo fronte di attenzione non solo al carcere, ma allo stato di diritto e ai piu’ poveri.

Abbiamo parlato di migranti, povertà e del Mediterraneo. Ho detto a sua santità che i nostri ragazzi dovrebbero essere accompagnati a visitare qualche bel museo, che pure abbiamo, delle migrazioni italiane, e che rivedrebbero le stesse facce, gli stessi occhi, le stesse speranze e la stessa determinazione.”

La Bonino pensa ai poveri? Sì, abbracciando una dei peggiori creatori dei poveri del mondo?

Bonino e Lagarde (FMI)

Bonino e Lagarde (FMI)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -