Responsabile Casapound aggredito da 20 antifascisti armati di spranghe e tirapugni

Trento – Aggressione al responsabile di Casa Pound: “In venti ad aspettarmi sotto casa con spranghe”

antifascisti

Aggrediti sotto casa di notte: a denunciare il fatto è il responsabile del circolo trentino di Casa Pound Filippo Castaldini, vittima, insieme ad un altro militante, di un’aggressione da parte di venti persone, armate di spranghe e tirapugni. Rincasando insieme ad un amico questa notte, si sarebbe trovato una ventina di persone ad aspettarlo sotto casa, “armati di spranghe e tirapugni” si legge in un comunicato.

I due sarebbero però riusciti a mettere in fuga il gruppo senza riportare lesioni particolarmente gravi. Evidentemente l’intento del gruppo era solo intimidatorio: “Il gruppo di antifascisti armato di spranghe e tirapugni, alla vista dei due giovani di CasaPound, li ha aggrediti sotto il portone di casa – si legge in una nota diffusa in mattinata – ma i due militanti, che non sono fuggiti, non hanno riportato gravi lesioni, facendo poi indietreggiare il nutrito gruppo”.

Sull’episodio faranno luce le forze dell’ordine. I due raccontano anche di essere stati aggrediti proprio dopo una serata, che si è tenuta nella sede di via Marighetto, dedicata a Sergio Ramelli, militante del Fronte della Gioventù, organizzazione giovanile del MSI, picchiato mortalmente, proprio sotto casa da militanti ritenuti vicini alle Brigate Rosse.

trentotoday.it

Il presidente super partes Laura Boldrini canta “Bella ciao” con i partigiani antifascisti



   

 

 

1 Commento per “Responsabile Casapound aggredito da 20 antifascisti armati di spranghe e tirapugni”

  1. Claudio Franza

    Antifascisti che usano sistemi fascisti. Dove sta la differenza?

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -