Manovra da 10 miliardi e dal 2016 scatterà l’imposta unica per la casa

Il governo è alle prese con il Def che sarà sul tavolo del consiglio dei ministri martedì prossimo. Il via libera è atteso tre giorni dopo, venerdì 10 aprile. Nel documento, da quanto si apprende, si avrà il coraggio di esprimere l’idea che per l’Italia il peggio è passato anche se resta d’obbligo la prudenza.

Padona-Renzi

La stima di crescita per il 2015, secondo quanto annunciato dal ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi, qualche giorno fa, sarà fissata allo 0,7%. Il rapporto deficit-Pil dovrebbe attestarsi al 2,6%. L’Istat però dice tutt’altro Istat: la pressione fiscale sale al 50,3%, aumenta il deficit dei conti pubblici

Sul piano dei tagli alla spesa verrebbero contabilizzati tagli per 10 miliardi di euro. Mentre ci si prepara a mettere di nuovo mano alle tasse sulla casa con l’obiettivo di far partire dal 2016 un’unica “local tax” comunale (che assorbirebbe Imu, Tasi e altre imposte locali). Come riferito in audizione dal ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, l’intenzione è quella di essere “il più espansivi possibili” a “sostegno dell’occupazione e degli investimenti a livello locale”. (Istat: sale la disoccupazione, a febbraio + 0,2 punti sull’anno) Una sfida che l’esecutivo ha sempre detto di voler vincere è quella di voler trovare le risorse per disinnescare la mina delle clausole di salvaguardia, a cominciare dall’aumento dell’Iva e delle accise

.Il governo punta a sfruttare la flessibilità europea (in realtà non esiste nessuna flessibilità e il governo lo sa bene) connessa al percorso di attuazione delle riforme.

Ma quale flessibilità? La UE avverte l’Italia: pareggio di bilancio entro il 2015, non 2016

Schaeuble sbugiarda Renzi: non ha mai chiesto più flessibilità al patto Ue

Il tedesco Weber si scaglia contro Renzi: serve rigore, la flessibilità è sbagliata

E conta anche di avvantaggiarsi dei minori interessi dovuti al taglio dello spread, come dell’euro debole e del calo dei prezzi del petrolio, oltre all’effetto del Qe.Sul piatto, ci sarebbero dunque per il prossimo anno 10 miliardi da ricavare con un ulteriore pezzo di spending review. Nel pacchetto anche l’avvio del processo di revisione delle agevolazioni fiscali, non solo per i cittadini ma anche per le imprese; e il piano sulle partecipate su cui ancora si sta discutendo quale sarà il punto di caduta (rispetto a quanto aveva ‘suggerito’ l’ex commissario alla Spending Carlo Cottarelli che aveva previsto la mano pesante con la riduzione da 8mila a mille in tre anni). Dopo l’ok del consiglio dei ministri, il documento verrà immediatamente trasmesso al Parlamento per il voto sulla risoluzione ed entro il 30 aprile dovrà essere trasmesso a Bruxelles.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -