Di Battista (M5S): Non siamo alleati dell’Isis, ma no alle bombe

“Non siamo affatto alleati dell’Isis” “Il nostro Paese – dicono Di Battista e Sibilia – sta rimanendo stretto in questa morsa di una guerra multipla: ad est con l’Ucraina, a sud con la Libia e a nord nel conflitto economico con il Nord Europa. Comunque, preveniamo le accuse dei soliti parolai dei partiti: no, non siamo affatto alleati dell’Isis ma mettiamo in guardia dal farsi prendere da questo nostalgico eccesso di belligeranza“.

dibattista

“L’uso delle armi peggiorerà la situazione”. L’ipotesi di un intervento militare in Libia, anche sotto l’egida dell’Onu, non convince Alessandro Di Battista e Carlo Sibilia del direttorio del Movimento 5 Stelle. “Noi del M5S – sottolineano – siamo sempre stati contrari all’uso delle armi”. “Vogliono mettere toppe ai buchi che hanno creato in passato”

Secondo Di Battista e Sibilia, sarà necessario affrontare la questione in Parlamento. “Il caos in Libia – affermano – è effetto delle decisioni dell’allora Pdl e del Pd, che nel 2011 si chinarono alle pressioni di Francia e Usa a danno dell’Italia e della popolazione civile in Libia. E insistono con le bombe”.

“Temiamo – proseguono – che vogliano mettere delle toppe, sempre le stesse bombe, ai buchi se non alle voragini che loro stessi hanno creato in passato. Ma spesso le toppe sono peggiori dei buchi”. “Pinotti e Gentiloni non hanno alcuna credibilità” I due esponenti M5S attaccano poi il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, e il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni. “Non hanno alcuna credibilità dopo quello che hanno fatto in passato – dicono – ma soprattutto rispettino la Costituzione e riferiscano in Parlamento.

Vorremmo ricordare che la Pinotti è lo stesso ministro che pensava di risolvere la questione Isis inviando un po’ di armi ai curdi. Come si vede non aveva capito molto. Tra l’altro sbagliarono l’invio delle armi, che poi finirono proprio in mano all’Isis. Ora c’è il paradosso che in Libia potrebbero spararci con le armi che noi gli abbiamo fornito”. “Siamo sempre stati contrari all’uso delle armi” La soluzione secondo Di Battista e Sibilia è un’altra. “Noi del M5S siamo sempre stati contrari all’uso delle armi – affermano – Se l’intervento lo chiedesse l’Onu dovremmo comunque valutarlo. Piuttosto dobbiamo tagliare tutti i rapporti commerciali con gli Stati che finanziano l’Isis. Dobbiamo capire chi sono e rivedere le politiche energetiche dell’Italia”.



   

 

 

2 Commenti per “Di Battista (M5S): Non siamo alleati dell’Isis, ma no alle bombe”

  1. Di Battista fa lo gnorri,s’informi su quali sono gli stati che finanziano e hanno finanziato l’isis, resterà sorpreso,Comunque come pensano i pentastellati di soros di fermare gli sgozzatori dell’isis, con le “condanne” verbali e con il “dialogo” ?

  2. …di battista, vai a parlamentare con questi dell’isis… vai! Poi se torni senza testa useremo la forza… vai!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -