Proposta shock in Usa: “No ragazze ai party nei college per evitare violenze”

violenze-usa

 

Vietatare alle ragazze di andare ai party nei college per combattere la piaga delle aggressioni sessuali nei campus americani. E’ questa la controversa idea che è stata presentata alle ‘sorority’, le associazioni di studentesse, dell’Università della Virginia, il campus che ha adottato tolleranza zero verso le aggressioni, dopo che nei mesi scorsi è stato denunciato uno stupro di gruppo, dove le ‘fraternity’ si preparano ad un weekend di feste per la Boys’ Bid Night, la notte in cui vengono ammessi i nuovi membri del club in feste e riti di iniziazione che i film di Hollywood hanno reso famosi, o famigerati, in tutto il mondo.

L’iniziativa è partita dalla National Panhellenic Conference, associazione che riunisce le sorority a livello nazionale, che hanno inviato una lettera alle 16 associazioni del campus della Virginia dando indicazione di vietare alle ragazze di partecipare a qualsiasi festa verrà organizzata sabato prossimo. Una lettera che è stata accolta con ironia e polemica da molte delle ragazze delle sorority.

“Vivere nel 2015 e non poter uscire di casa perché sei una ragazza? Credo che questo sia sbagliato”, ha detto Story Hincley, studentessa di Richmond, che considera la misura, contro la quale ha avviato una petizione on line che in poche ore ha ottenuto migliaia di firme, un ritorno agli anni ’50. “E’ stata decisa dalle presidenti dell’associazione che hanno oltre 50 anni e vivono a Indianapolis” ha aggiunto, dicendo che quando ha raccontato ai suoi genitori della lettera si sono messi a ridere credendo che si trattasse di un equivoco.

Anche i rappresentati degli studenti dell’intera università si sono sentiti offesi da questa iniziativa. “E’ una risposta incredibilmente sproporzionata per le donne e incredibilmente antiquata nella concezione della sicurezza e contrasto alle aggressioni sessuali”, ha detto Abraham Axler, presidente del Consiglio degli Studenti, che si è già riunito per chiedere la revoca della misura. Il prossimo weekend non solo è la notte delle feste delle fraternity, ma si svolge anche partita tra la squadra di basket dell’università, numero due a livello nazionale e finora imbattuta, che ospita quella della Duke, la numero 4, per uno dei match più attesi dell’anno. L’idea che alle ragazze venga chiesto di non partecipare alle feste proprio questo weekend è impensabile, concludono gli studenti del campus della Virginia. adnkronos



   

 

 

3 Commenti per “Proposta shock in Usa: “No ragazze ai party nei college per evitare violenze””

  1. Invece di esortare i genitori di mollare qualche sberla in più di fronte a certi caratteri, si fa prima a levare di torno le ragazze?

    Ma allora sono animali?
    Questa è l’ammissione di una sconfitta, prima di tutto educativa.
    A questo punto, meno male che non sono madre di figlio maschio.
    Avessi avuto sentore che avesse in qualche modo nuociuto ad una ragazza, ora io sarei in galera e lui in una tomba !!!

  2. Insegnassero piuttosto ai loro figli a rispettare gli altri, ragazze o ragazzi che siano!Abbastanza confusi sti americani, passano dal lassismo e menefreghismo estremi a soluzioni in stile sharia ! SVEGLIA !!!!!

  3. vanda.bortolan

    Se le ragazze sono furbe si presentano alle feste con cintura di castità (lasciare a casa la chiave per aprirla) ci rimarranno di palta i maschietti esuberanti se, al contrario, sono contente di darla a tutti lascino a casa le mutande!!!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -