In Italia da 20 anni non sa leggere in italiano, cittadinanza negata a marocchino

leggere

 

Trenzano: non sa l’italiano, il sindaco nega la cittadinanza

Cittadino italiano solo se sai leggere in italiano. Il monito del sindaco di Trenzano Andrea Bianchi, che ha rimandato di un mese la cerimonia di ‘consegna’ della cittadinanza italiana ad un marocchino nel Belpaese da più di 20 anni, sposato e padre di tre figlie.

Niente razzismo, spiega il sindaco, quanto una scelta dovuta, nel rispetto della legge e della storia. Il 17 dicembre scorso infatti il ‘candidato’ alla cittadinanza non è stato in grado di leggere, in italiano, il giuramento di fedeltà alla Costituzione. E quindi è stato ‘bocciato’.

Tornato a casa per studiare, ci riproverà tra pochi giorni: e siamo sicuri che sarà la volta buona. Non sono mancate comunque le polemiche, con tanto di richiamo all’ordine da parte della Prefettura di Brescia. Ma il sindaco non si schioda.

“La cittadinanza è importante – ha raccontato ai giornali – Non possiamo certo regalarla come fosse l’iscrizione a qualche club. Diventare italiani è davvero qualcosa di serio”. Imparare la lingua del Paese in cui si vive è importante: per comprendere il mondo che ci circonda, per integrarsi. Ma pure per alzare la voce, ogni tanto. Ma è importante anche ricordare che il sindaco di Trenzano, che si definisce un indipendente di centrodestra, lo scorso settembre è stato cortese ospite di un’assemblea di Forza Nuova.

bresciatoday.it



   

 

 

1 Commento per “In Italia da 20 anni non sa leggere in italiano, cittadinanza negata a marocchino”

  1. In America, paese civile, per ottenere la cittadinanza devi sapere l’inghlese, devi conoscere la loro costituzione e devi giurare fedeltà a quella carta! Noi perché non legge l’Italiano critichiamo perché non la concediamo? Ma non scherziamo!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -