Terrorismo – 007, tutti sanno tutto e nessuno fa niente di niente

hebdo-Coulibaly

 

Hayat Boumeddiene, la compagna del killer del negozio kosher di Parigi, Coulibaly, non sarebbe stata arrestata quando raggiunse la Turchia il 2 gennaio perche’ gli 007 francesi non informarono gli omologhi di Ankara. A lanciare l’accusa fonti delle forze di sicurezza turche.

La donna, che fino ad oggi pomeriggio si pensava fosse insieme a Coulibaly anche ieri durante il massacro nel negozio kosher di Vincennes, sarebbe cosi’ riuscita a passare in Siria l’8 gennaio, perche’ l’intelligence francese non avrebbe spiccato un mandato di cattura internazionale, convinti che la donna fosse ancora in Francia. Fino ad oggi pomeriggio, infatti, e’ continuata la caccia alla donna.

La stampa araba traccia l’identikit della donna: Come racconta il sito algerino Elbilad.net la ragazza “ha avuto un matrimonio religioso e non civile con Coulibaly” e lavorava “in un negozio ebraico di Kosher a Parigi”. Ed è stato proprio in un negozio di Kosher che “il marito” ha ucciso quattro ostaggi prima di essere a sua volta freddato nel blitz delle teste di cuoio francesi.

Nel maggio 2009, la donna avrebbe lasciato il negozio e cominciato ad indossare il Niqab (velo islamico integrale) per dedicarsi alla vita coniugale”.

Hayat, aveva “costanti contatti, al punto da avere avuto 500 telefonate nel corso dell’anno scorso” con la moglie di uno dei due fratelli Kouachi, autori della strage nella rivista satirica Charlie Hebdo. Il compagno Coulibaly aveva conosciuto i due fratelli Kouchi in carcere nel 2005.

Nel 2014, la copia conosce Djamel Beghal, un francese di origini algerine e figura chiave di al Qaida condannato nel 2005 per terrorismo e proselitismo e conosciuto, nel mondo islamista, con il nome di Abou Hamza. Un incontro che avrebbe cambiato la vita di Coulibaly e Boumediene. Sarebbe stato Abou Hamza a condurli per mano nel mondo della Jihad islamista. Alcuni scatti, pubblicati da al Arabiya, mostrano la coppia nei boschi di Cantal, intenti a esercitarsi con la balestra.

Ai poliziotti che la interrogarono nel 2010, la ragazza conferma la grande trasformazione avvenuta nella sua vita grazie a suo marito ed al mondo che frequentava



   

 

 

1 Commento per “Terrorismo – 007, tutti sanno tutto e nessuno fa niente di niente”

  1. Mi pare che conoscesse poco il mondo islamico. Gli arabi considerano i neri esseri inferiori, anche se convertiti.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -