Le teste di straccio invadono l’Occidente

eurabia_jihad

 

Le teste di straccio, invadono l’Occidente Oggi, appare singolare, ma nell’epoca del colonialismo, qualcuno si era illuso di occidentalizzare l’slam mentre purtroppo, come tutti vediamo, avviene il contrario, è l’islam che sta islamizzando l’Occidente.

Fin dalle prime e poi progressive ondate migratorie, provenienti dai Paesi dell’Oriente e dall’Africa mediterranea, composte quasi esclusivamente da musulmani e di tendenze più che fondamentaliste, musulmani che non vogliono accettare per nessun motivo, nessun tipo di compromesso, compreso quello “ecumenico” perché hanno, come unico obiettivo, la conquista dell’Italia , dell’Europa e dell’Occidente e il dominio sui cristiani in quanto credenti, in quanto fedeli, per convertirli o sottometterli.

L’ingenuità, l’ignoranza, la malafede, ma anche il buonismo, il multiculturalismo, il nichilismo di buona parte della gerarchia clericale cattolica, dei politici e purtroppo anche di una larga parte di catto-comunisti, buonisti e voltagabbana italioti, ma anche europei e occidentali, crede di poter integrare i musulmani nel nostro tessuto sociale, nella nostra cultura, nella nostra civiltà. E, come i musulmani sono disposti a tutto pur di islamizzare i cristiani e l’Occidente, anche questa larga parte di beoti italiani insieme a una buona parte dei politicanti e della gerarchia della Chiesa Cattolica sono decisi a perseguire questa fallace idea dell’integrazione facendo e dicendo cose che definirle da pazzi è un complimento; come ad esempio: concedere loro la cittadinanza dopo soli cinque anni, concedere loro il voto politico, concedere loro il ricongiungimento famigliare, concedere loro possibilità di costruire moschee, concedere loro le abitazioni gratuite o quasi, concedere loro i finanziamenti a fondo perduto o molto più che agevolati, concedere loro aiuti di ogni tipo e … mi fermo qui, perché sui diritti concessi a chi non merita nulla e a chi non viene richiesto o insegnato nessun dovere, si potrebbe scrivere non un libro, ma una enciclopedia.

islam_europe1Mi pongo comunque delle domande, che spero legittime: è mai possibile che non si rendano conto con quale rapidità si moltiplichino? Noi abbiamo una crescita vicina allo zero, loro fanno tre, quattro, cinque o più figli, che noi, manteniamo o contribuiamo notevolmente a mantenere con i soldi pubblici e se, non domani o dopodomani, questi soggetti, saranno maggioranza- non solo ingombrante – ma determinante. Non cito le cifre, non solo perché discordanti, ma soprattutto perché false e sono false perché non fa comodo a costoro dire che in Europa esiste già una nazione islamica.

Domanda: è mai possibile che i sordi rimangono sordi e i ciechi rimangono ciechi di fronte alla precisa, esplicita e chiara volontà degli islamici presenti in Italia, in Europa, in Occidente di non sognarsi minimamente di includersi, di integrarsi, di civilizzarsi? I sordi e i ciechi, non sentono e non vedono che questa umma resta un corpo estraneo a sé stante all’interno delle Nazioni che li ospitano?

Non vedono e non sentono che mantengono i loro usi, costumi, tradizioni, credenze, convinzioni, dottrine e dogmi e che vogliono annullare, annientare, cancellare le nostre? Non vedono e non sentono che non hanno nessuna considerazione della donna, che praticano la poligamia, la pedofilia, la mutilazione genitale femminile, la schiavitù e continuano a perseguire soltanto la cultura dell’odio e della violenza?

Da quanti anni ormai subiamo l’immigrazione controllata e in controlla dei musulmani? Ditemi, quanti di loro sono emersi nella società, nella politica, nell’industria. Quanti di loro si sono distinti nella scienza o nelle professioni? E’ mai possibile ignorare che la loro presenza è ingombrante, invasiva e aggressiva e che l’islam, quella che vendono ai beoti come religione di pace, amore e tolleranza, è soltanto una ideologi barbarica di conquista?

E’ mai possibile che gli affetti da dabbenaggine non vedono e non sentono che l’unica cosa in cui crede questa gentaglia è il corano e nel quale solo gli analfabeti e chi ha gli occhi foderati di prosciutto –rigorosamente di maiale- non legge o non vuol vedere quello che vi è scritto? E’ possibile nel 2014 non sapere che ogni musulmano che emigra tra gli infedeli, non è altro che un apostolo dell’islam, per cui deve far valere i diritti islamici nelle stesse Nazioni che lo ospitano? Nazioni che, non è dato sapere se per ingenuità , per ignoranza o per malafede, non capiscono che la tolleranza ed il pluralismo verso chi non fa alcuna distinzione fra politica e religione e nessuna tolleranza in contrasto con il corano, il libro che molti di loro non sanno neanche leggere in quanto analfabeti o che interpretano a seconda della circostanza più congeniale?

islam-sharia

E’ mai possibile che neanche quelli che guardano con simpatia l’invasione islamica dell’Italia, dell’Europa e dell’Occidente, quel filo-islamismo de noantri, che dice: ‘poverini’ e che cerca addirittura di rendere meno antipatica la religione del corano e più accettabile la sedicente civiltà musulmana, confondendo le idee e addormentando le coscienze, indebolendo le volontà, s’illudono che l’islam non faccia da contraltare alla secolarizzazione della società tecnologica e consumistica, portando la loro sacralità a ruolo dissacratore dell’Occidente?

Insomma un islam sotto forma di giudaismo-arabizzato, esplosivo quanto basta per fungere da detonatore per quella bomba che vorrebbero far esplodere al fine di disgregare quel poco che resta della grande Civiltà Cristiana e del Cristianesimo. Senza dimenticare , che il comunismo in Oriente, ed il liberalismo radicale in Occidente sono le due facce di un’unica medaglia della strategia de-cristianizzante, ambedue studiate e attuate per il default della società occidentale, manipolando menti e manovrando fattori e movimenti di portata mondiale, come l’attuale crisi economica, la disgregazione morale, le guerre e giustappunto l’invasione islamica dell’Occidente

. Armando Manocchia



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -