Vicenza: Proprietario muore e lascia la fabbrica in eredità agli operai

dioma

 

3 dic – VICENZA – E’ morto all’età di 72 anni a causa di una breve malattia. Alla notizia della morte nei capannoni della Dioma srl gli operai sono scoppiati in lacrime. Amavano il loro “padrone”. E lui, Leonardo Martini, ha scelto proprio la sua fabbrica per l’ultimo saluto. Il funerale – laico – è stato organizzato dagli stessi operai che hanno avuto in dono l’intera fabbrica.

Proprio così: Leonardo Martin ha lasciato tutto alla sua famiglia, cioè ai suoi operai. Non aveva figli e per lui è stato inevitabile lasciare tutto a loro con i quali viveva gomito a gomito fin dal 1967, anno in cui aprì la Dioma srl.

L’azienda, che fa stampaggio di materie plastiche e crea gli stessi stampi, ha come clienti Audi, Volkswagen e Saeco. E, al cospetto del settore che versa in piena crisi, ha una situazione finanziaria invidiabile. Ora toccherà a loro, ai suoi 25 operai, mantenerla competitiva sul mercato.

 



   

 

 

4 Commenti per “Vicenza: Proprietario muore e lascia la fabbrica in eredità agli operai”

  1. Non illudiamoci, è solo una mosca bianca in un mare di merda in cui ci hanno cacciato. Onore al proprietario per la scelta coraggiosa: resta sempre il problema di chi sarà in grado di mantenerla economicamente sana.

  2. Non possiamo che ammirare una persona così. Vero esempio di economia corporativa. Incontro tra Capitale e Lavoro = Produttori.

  3. Io credo che lo abbia fatto per vendicarsi.
    Sono convinto che l’azienda andrà avanti ancora per un anno al massimo, non di più.

  4. Un vero signore, gesto che so un vero uomo può compiere

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -