Cina e Russia: accordi per combattere le “rivoluzioni colorate” (Soros & UE)

RIVOLUZ

 

22 NOV – Nel corso degli ultimi due giorni Russia e Cina hanno risposto alla terribile minaccia delle ‘rivoluzioni colorate’, avvertendo che le loro nazioni intendono evitare non solo questo tipo di guerriglia, ma che intendono collaborare per schiacciare il loro nemico comune (la City e Wall Street).

Il presidente russo Vladimir Putin ha incontrato il capo del Consiglio di sicurezza al Cremlino per discutere di una “Strategia per la lotta contro l’estremismo nella Federazione Russa fino al 2025.”
Ieri a Pechino il ministro della Difesa cinese Shoigu e il vice ministro russo della Difesa Antonov , hanno stretto accordi per combattere insieme le “rivoluzioni colorate” (Soros & UE) tipo Hong Kong e Ucraina, così Putin oggi ha ribadito che la Russia farà tutto il necessario per fermarli.

Nel mondo moderno l’estremismo è spesso usato come strumento geopolitico per riorganizzare sfere di influenza. Noi vediamo le tragiche conseguenze dell’ondata delle cosiddette rivoluzioni colorate, le turbolenze nei paesi che hanno subito gli esperimenti irresponsabili attraverso l’interferenza esterna a volte coperta e a volte palese, nella loro vita. Prendiamo questo come una lezione e un avvertimento, e noi dobbiamo fare tutto il necessario per assicurare che ciò non accadrà mai in Russia. ” V. Putin

Massimo Lodi Rizzini –  larouchepac.com

[dividers style=”2″]

Le “Rivoluzioni Colorate” sono il paravento per guerre di aggressione  MOVISOL

Dietro il paravento delle cosiddette “Rivoluzioni colorate” e delle “Primavere Arabe”, Barack Obama e altri leader occidentali hanno proseguito la politica di Bush e Cheney di guerre imperiali. Questa politica, enunciata dall’allora Primo ministro britannico Tony Blair in un discorso a Chicago nel 1999 e varata a seguito dell’attacco alle Torri Gemelle perpetrato dai sauditi e dall’Impero Britannico, è stata esplicitamente denunciata da rappresentanti militari russi e bielorussi alla Conferenza sulla Sicurezza di Mosca il 23 maggio.

Tra questi, il ministro della Difesa russo Sergej Šoigu, il capo di stato maggiore della Difesa Valeri Gerasimov, il capo delle Operazioni dello stato maggiore Vladimir Zarudniskij e il ministro della Difesa bielorusso Juri Zhadobin.

Anthony Cordesman, del Centro di Studi Strategici e Internazionali, ha trovato la conferenza così importante che ha postato 52 pagine di appunti e dei powerpoint dei relatori, affermando: “Ciò che è critico è che gli USA e l’Europa ascoltino ciò che dicono i leader militari e gli strateghi russi. Queste non sono vedute russe che America e Europa possono permettersi di ignorare”.

Šoigu ha aperto i lavori descrivendo l’impatto negativo sulla stabilità internazionale delle rivoluzioni colorate. Queste sono una nuova forma di guerra inventata dai governi occidentali per cercare di rovesciare i governi nazionali e sostituirli con regimi fantoccio. Lo stesso metodo è stato usato in un’ampia serie di casi, dove l’obiettivo iniziale di cambiare il governo con cosiddette proteste popolari è diventato uno sforzo di destabilizzazione e di conflitti interni quando le proteste sono fallite. In Serbia, Libia e Siria, l’interferenza politica dell’Occidente si è trasformata in intervento militare. Oggi, lo stesso schema viene applicato in Ucraina, dove la situazione si è evoluta in guerra civile, e in Venezuela, dove la cosiddetta opposizione democratica è stata organizzata dagli Stati Uniti. (vedi)

Il relatore che ha fornito più dettagli sulla strategia delle rivoluzioni colorate sembra essere stato Zarudniskij. Citiamo dal resoconto di Dmitri Gorenburg:

“Come i relatori alla plenaria, Zarudniskij si è concentrato sugli aspetti militari delle RC. Egli ha sostenuto che mentre l’Occidente le considera un modo pacifico per rovesciare regimi anti-democratici, i fatti del Medio Oriente e del Nordafrica dimostrano che la forza militare è parte integrale di tutti gli aspetti delle RC. Si parte con la pressione esterna sul regime per impedire l’uso della forza per ristabilire l’ordine, si passa alle forniture militari ed assistenza economica alle forze ribelli, e se queste non bastano, partono le operazioni militari per sconfiggere le forze governative e permettere ai ribelli di prendere il potere. Perciò, le RC sono una nuova tecnica di aggressione inaugurata dagli Stati Uniti e tesa a distruggere uno stato dall’interno dividendo la sua popolazione. Il vantaggio di questa tecnica è che essa richiede un impiego di risorse relativamente contenuto per ottenere dei risultati…

“Essa viene adottata principalmente nelle aree urbane, frequentemente facendo uso di civili come scudo. Le regole di ingaggio comunemente accettate vengono ignorate, perché le forze armate non vengono ufficialmente impiegate. Invece, forze criminali e terroristiche e compagnie di ventura private vengono lasciate agire nell’impunità. Per sconfiggere questo tipo di guerra occorrono tattiche anti-guerriglia”.

“Nel determinare i bersagli, il fattore principale è l’interesse geopolitico dello stato provocatore, che significa principalmente paesi con significative risorse naturali o situati in posizioni strategicamente importanti e con una politica estera indipendente”.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -