Svezia: Gangs di musulmani terrorizzano 55 Zone. Polizia impotente

svezia2

 

16 nov – In Svezia la situazione nelle no-go zone controllate da bande di musulmani si sta rapidamente deteriorando. Persino il sindacato svedese delle ambulanze ora chiede dispositivi di protezione militare per entrare nelle zone no-go.

Ci sono stati numerosi episodi di violenza negli ultimi tempi, in cui i teppisti hanno attaccato le ambulanze che rispondono alle chiamate, hanno tagliato le gomme delle ambulanze, fracassato i parabrezza e lanciato grandi sassi dal cavalcavia, mentre i paramedici stessi sono stati oggetto di violenza fisica. La situazione è diventata così terribile che l’unione ambulanza ora richiede notevolmente maggiore protezione. (Swedish Police Release Extensive Report Detailing Control Of 55 ‘No-Go Zones’ By Muslim Criminal Gangs)

“Abbiamo bisogno che i paramedici siano protetti quando si entra in queste zone calde”, ha detto il leader sindacale Henrik Johansson in un’intervista con la rivista Dagens Medicin. “Hanno bisogno di elmetti antisommossa, giubbotti antiproiettile, parastinchi e holsterpacks. Ecco le attrezzature necessarie per lavorare in questo ambiente. Naturalmente, devono anche  essere dotati di maschere antigas. ”

“Così non ti sembrano agenti di polizia anti-sommossa?» ha chiesto il giornalista.

“No, direi attrezzatura di grado militare”, ha detto Johansson.

I vigili del fuoco si trovano di fronte ad una situazione simile. Le bande si divertono dando fuoco a qualsiasi cosa – un contenitore, una macchina o una scuola – e tendono imboscate ai vigili del fuoco che hanno risposto alla chiamata.

Il personale d’emergenza ora chiede di routine la scorta della polizia prima di entrare nelle zone no-go. Purtroppo il numero di poliziotti è insufficiente e spesso la polizia non ha la possibilità di soddisfare ogni richiesta. Le auto sono date alle fiamme praticamente ogni giorno nei ghetti e la Svezia detiene il record mondiale poco lusinghiero per il maggior numero di incendi nelle scuole.

svezia

Pur essendo un piccolo paese di meno di 10 milioni di cittadini, uno studio del 2012 ha mostrato la media di una scuola bruciato al giorno in Svezia, con un costo per i contribuenti  di mezzo miliardo di corone svedesi all’anno.

Nemmeno la polizia è piu’ al sicuro dagli attacchi. Nel maggio del 2014, due agenti di polizia sono stati accerchiati  da 50 teppisti nella no-go zone di Landskrona. Hanno tirato fuori le armi per tenere a bada gli aggressori ed hanno chiesto rinforzi, ma il comandante della polizia ha rifiutato di inviare aiuti, temendo un’ escalation. Uno degli ufficiali conosceva alcuni abitanti del luogo che sono intervenuti e hanno convinto la banda a lasciare che i funzionari andassero via.

Mentre tale sfacciata aggressione è rara, le auto di pattuglia sono spesso oggetto di lanci di pietre e gli autisti sono presi di mira con i laser verdi. Abbagliare gli automobilisti con i potenti laser portatili è uno “sport”, che cresce dove l’obiettivo è quello di provocare un incidente.  Anche autobus, taxi, società di recapito e postini sono presi di mira.

Immigrati, la Svezia brucia: crolla il modello svedese accogliente, pacifico ed egualitario

Perfino il semplice sospetto di far parte delle forze dell’ordine è motivo di percosse, come è successo ad un uomo anziano in attesa alla metropolitana di Tensta. I membri delle bande hanno scambiato erroneamente il suo apparecchio acustico per trasduttore auricolare della polizia e lo hanno aggredito a pugni e calci.

Nel mese di ottobre, un bambino di 12 anni, figlio della celebrità locale Linda Edenström, è stato selvaggiamente picchiato quando ha preso la metropolitana, dopo la scuola, per portare un regalo di compleanno ad una ragazza della sua classe. Il ragazzino non sapeva che lei viveva in un no-go zone e quando è uscito dalla stazione è stato prontamente fermato da sette immigrati adulti i quali gli hanno detto che la zona era vietata ai bianchi, lo hanno aggredito e riempito di insulti razzisti.

Casi come questo non vengono ritenuti dalla legge svedese come crimini di odio. La legge non si applica ad un immigrato che insulta uno svedese nativo, anche se l’immigrato afferma esplicitamente di farlo per motivi razziali. Tuttavia, la situazione inversa, in cui uno svedese nativo pronuncia una frase che potrebbe essere percepita come razzista, viene perseguito civilmente e penalmente. daycaller.com



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -