Carceri: i radicali scrivono alla UE per danneggiare l’Italia

radicali

 

10 nov – I rimedi introdotti in Italia per risarcire i detenuti vittime del sovraffollamento “non sono efficaci”. A sostenerlo sono i Radicali in una lettera inviata al Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa, che ora potrebbe portare qualche conseguenza per il Belpaese.

Secondo i Radicali, l’inefficacia dei rimedi risarcitori, che l’Italia ha dovuto introdurre dopo la sentenza Torreggiani, con cui la Corte europea dei diritti dell’uomo la condannava nel 2013 per aver tenuto 7 detenuti in celle di soli 3 metri quadri, dipendono dall’interpretazione che alcuni giudici di sorveglianza stanno dando della legge dell’11 agosto 2014 n.117.

Inoltre, per rafforzare la propria denuncia, i Radicali riportano nella lettera l’interrogazione presentata il 14 ottobre dal vicepresidente della Camera Roberto Giachetti (Pd), indirizzata al Presidente del Consiglio dei ministri Matteo Renzi e al ministro della Giustizia Andrea Orlando.

Nel testo si legge che alcuni magistrati di sorveglianza stanno rigettando le richieste dei detenuti perché il risarcimento può essere dato se il detenuto si trova in una situazione di sovraffollamento non solo nel momento in cui presenta richiesta, ma anche quando il giudice decide.

Questo “lascia i detenuti sprovvisti di qualsiasi tutela effettiva”, in contrasto con quanto domandato nella sentenza Torreggiani.

La denuncia dei Radicali non avrà alcuna influenza sulla decisione della Corte di Strasburgo, che secondo indiscrezioni, dichiarerà irricevibile anche l’ultima parte dei 3500 ricorsi presentati dai detenuti italiani.

In virtù dei propri rimedi, che hanno ricevuto l’approvazione della Corte due mesi fa, l’Italia è infatti già riuscita ad abbattere considerevolmente il numero dei ricorsi pendenti, ed evitare di pagare il doppio o il triplo per le proprie violazioni.

Tuttavia il documento dei Radicali potrebbe ora portare qualche conseguenza sulle prossime decisioni che il Comitato dei ministri deve prendere sul sovraffollamento delle carceri in Italia. E una delle decisioni attese da Roma è quella di essere cancellata dalla lista di “Paesi sorvegliati speciali” proprio per le questioni carcerarie. (ANSA).



   

 

 

4 Commenti per “Carceri: i radicali scrivono alla UE per danneggiare l’Italia”

  1. …Cervelli in fuga…si ma non all’estero..quelli bacati con tarli, restano, ahimè, in Italia!!!

  2. rosario del vecchio

    Radicali, ovvero anti-italiani! … è così fin dalla Rivoluzione Francese fino ad oggi … Questi sono i veri Leader Ideologici italiani, quelli che coprono con una falsa Laicità la Religione dei nemici dell’Italia. Una Religione senza verità senza lavoro, senza sangue, senza Dio, senza tradizione, senza identità, senza Popolo. Il dio di questa Religione si chiama: dio-Capriccio, la sua maschera ipocrita si chiama Libertà. Ma in realtà è il Giuda della Libertà dei Popoli e i suoi Trenta Denari sono nelle mani dei Burocrati Finanziari dell’Euro.

  3. Ma Pannella, ha smesso di fare ridere con i suoi scioperi della fame ??? Era una cosa positiva,perche dava la speranza che se ne andasse !!!

  4. Anche in guerra in Italia c’erano le spie che avvertivano gli Inglesi dei movimenti delle navi che portavano i rifornimenti alle truppe in Africa

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -