Ragazzo seviziato a Napoli, psichiatra: “Gli aggressori sono delinquenti seriali”

il presidente della Società Psichiatri Italiana, Emilio Sacchetti

il presidente della Società Psichiatri Italiana, Emilio Sacchetti

 

10 ottobre – “Sono delinquenti seriali lucidi che vanno puniti con una pena esemplare senza nessuna attenuante psichiatrica”. Cosi il presidente della Società Psichiatri Italiani, Emilio Sacchetti commenta l’episodio di violenza subito da un ragazzino di 14 anni a Napoli da parte di un gruppo di  ventiquattrenni.

“Sono criminali,- dice Sacchettiqui siamo nel campo della crudeltà vera, non conosco malati di mente capaci di tale gesto. E’ un atto di aggressività selvaggia“. “Queste persone non devono godere di nessuna attenuante, va fatta pulizia, in questi casi ed applicata una pena esemplare senza trovare scusanti di natura medica”.

Secondo il presidente degli psichiatri un gesto così efferato e disumano ”potrebbe, forse, essere stato causato dall’uso di droghe: non mi sorprenderei se il gesto anormale ai danni del ragazzino ingenuo sia stato fatto a causa di un abuso pesante di sostanze stupefacenti”. ”Resto dell’idea però – conclude Sacchetti- di applicare punizioni rigide per non lasciare impuniti dei serial killer ‘lucidi’ che potrebbero ripetere su altri questi terribili gesti”.



   

 

 

6 Commenti per “Ragazzo seviziato a Napoli, psichiatra: “Gli aggressori sono delinquenti seriali””

  1. Il male per se stesso e’ banale non ha alcuna giustificazione psichiatrica appartiene ai malvagi

  2. Giustizia esemplare…..persone abominevoli

  3. Leelan Morgenstern

    Ma scusatemi, se afferma che si tratta di “criminali seriali lucidi”, vorrà dire che ci ha parlato, ci ha lavorato su, giusto? Quindi come fa a dire che la causa potrebbe essere stata l’abuso di droghe? Se son lucidi son lucidi! Droghe o meno!

    • Ciao. Vuol dire che il gesto è pre-meditato. La droga o l’alcol sono serviti da disinibitore, ma l’idea di compiere l’atto albergava già nelle loro menti. Ecco che vuol dire “lucidi”:perfettamente consapevoli nel momento dell’ideazione. Ti ho chiarito un po’il concetto? 🙂

    • P.S. Scusa se ho scritto un po’coi piedi. Cmq, rileggendo il tuo commento…non è detto che il medico ci abbia parlato per forza,con questi individui. Però ci sono degli standard di classificazione per le disfunzioni/patologie mentali che, tra l’altro con l’uscita del Dsm-V pongono un po’tutti nella condizione patologica. Ti posso assicurare che la crudeltà non è un sintomo di patologia mentale. Mai. Può venire slatentizzata dalla patologia o dall’uso di sostanze,ma non è una funzione cognitiva. Eppure, il male e la malvagità esistono….chissà come mai! Però qui entriamo in un altro campo di discussione…..meglio fermarsi qui. Spero di averti chiarito le idee, a riguardo delle affermazioni dello psichiatra.

  4. Finalmente.Finalmente sento dire che un tale gesto va punito con estrema serietà e non ci sono attenuanti da invocare,queste persone esecutore o complici sono in egual misura delinquenti,l’uso delle eventuali droghe rende il reato ancora più rilevante.Sono persone pericolose che se non fermate e punite possono avere l’ardire di vantarsi di quanto fatto.Finalmente una voce fuori dal coro uno psichiatra che usa parole pesanti ma reali,Non più scuse tipo poveri ragazzi chissà in che degrado vivono.No,no,,no, questi erano coscienti di quello che facevano,non vogliamo scuse da parte loro ,non sarebbero vere,vogliamo una punizione con la speranza che serva a loro per capire magari tra qualche anno cosa hanno fatto e se ne pentano sinceramente

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -