L’Italia colpisce gli amici di Putin, 30 mln di beni sequestrati a Rotenberg

putin-beni

 

23 settembre – Amico di judo e  collega di affari. Ecco perché le prime sanzioni sono toccate a lui, nonostante sia “soltanto” al quinto posto della black list stilata dagli Stati Uniti sulle persone da “colpire”. Arkadij Romanovich Rotenberg, uomo d’affari russo sessantatreenne, è finito nel mirino dell’Italia che gli ha congelato beni per trenta milioni. Tutta colpa dell’amicizia decennale – e dei rapporti economici – fra l’imprenditore russo e Vladimir Putin, finito nel mirino dell’Ue per la guerra scatenata in Ucraina.

Così, il primo a pagare con il “congelamento dei beni” è stato proprio Rotenberg, titolare in Russia di numerose società che si sono assicurate appalti miliardari per le recenti Olimpiadi invernali di Sochi ed ex compagno di judo del presidente russo. Il provvedimento, eseguito per la prima volta dalla Guardia di finanza in Italia, fa riferimento – spiegano le fiamme gialle – al regolamento n. 269 del 2014 adottato dall’Unione Europea e consiste in “misure per prevenire, contrastare e reprimere il finanziamento del terrorismo e l’attività di Paesi che minacciano la pace e la sicurezza internazionale“.

 

Tra i beni congelati in Italia a Rotenberg vi sono il Berg Luxury Hotel, albergo a quattro stelle nel centro di Roma, un immobile a Tarquinia, una villa a Villasimius e due a Porto Cervo.

L’incubo per l’oligarca russo, però, potrebbe non essere ancora finito. Nella lista trasmessa al Valutario, spiega “Il Corriere della Sera”, oltre a Rotenberg figurano le persone che gravitano intorno a lui, parenti o semplici prestanome sui quali sono ancora in corso verifiche e che potrebbero diventare destinatari di analoghe misure. L’obiettivo sarebbe sempre lo stesso: evitare che Putin continui ad operare economicamente fuori dalla “sua” Russia.

today.it



   

 

 

3 Commenti per “L’Italia colpisce gli amici di Putin, 30 mln di beni sequestrati a Rotenberg”

  1. Ho avuto modo di vedere personalmente le foto scattate in Ukraina, da persone che hanno lasciato lì (anche morti) i familiari. Corpi senza testa, bambini senza braccia o con un colpo in testa. Corpi riassemblati in terra con tutti gli arti e la testa staccati. DOnne incinta con la pancia aperta ed ilo bambino tirato fuori ancora con il cordone attaccato, entrambe assassinati. Questo è quello che accade in Ukraina e non certo per colpa di Putin. Questo è quello che sta fomentando l’America, finanziando i ribelli e mettendo a loro disposizione mercenari senza alcun ritegno. Killer che se ne fregano dei motivi politici. E ancora che se la prendono con Putin!

  2. Putin, se fai scoppiare la terza guerra mondiale ,hai tutte le ragioni del mondo !!!

  3. Assurdo, surreale….incredibilmente fantascientifico!!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -