Sicilia senza più un euro, stipendi di nuovo a rischio per tutti

crocetta

 

Palermo, 22.09.2014 – (Manlio Viola per BlogSicilia) – “Stiamo definendo una analisi ricognitiva e programmatica sulla situazione della tesoreria regionale, solo in settimana avremo maggiori dettagli e potremo dire come stanno le cose”. L’assessore regionale all’economia Roberto Agnello affida ad un sms la sua posizione sull’allarme liquidità della regione siciliana. Un sms in risposta alle domande del cronista che gli chiedeva di confermare o smentire la voce che circola con insistenza di difficoltà da parte della Regione nel pagare gli stipendi. AS rischio ci sarebbero le somme necessarie per forestali e precari già a settembre ma, se la situazione dovesse essere confermata, ad ottobre ci sarebbero problemi anche per gli stipendi dei regionali.

Una conferma implicita, dunque, quella dell’assessore Agnello, preoccupato ma non allarmato e già al lavoro per comprendere cosa fare. La crisi sarebbe dovuta non a problemi di bilancio ma di liquidità. Insomma la Regione avrebbe in bilancio le somme per far fronte ai propri impegni ma ci sarebbe un ritardo nell’incasso delle tasse dei siciliani e dei trasferimenti statali e dunque niente liquidità per procedere ai pagamenti. Una situazione che fra ottobre e novembre si ripresenta ogni anno nell’ultimo quinquennio ma che stavolta sarebbe più grave e in anticipo rispetto agli anni passati.

Nessun allarme secondo il ragioniere generale della Regioneche attraverso i suoi uffici fa sapere che saranno comunque tutti pagati al massimo con qualche ritardo ma l’entità dei ritardi non è secondaria e l’ormai ripetuta consuetudine dei problemi di liquidità della Regione a fine anno preoccupa per il futuro a partire dalla predisposizione del bilancio 2015 che potrebbe risentire anche dei pr0oblemi che la regione rischia di portarsi dietro dal 2014



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -