E’ ufficiale: l’MH17 malese è stato abbattuto dall’Aviazione Ucraina

14 agosto – Un articolo apparso sul News Strait Times, storica testata giornalistica della Malesia pubblicata in lingua inglese, diffonde la ricostruzione della tragedia MH17 che addossa la reponsabilità alle forze governative Ucraine

mh17

14 agosto – KUALA LUMPUR: Già gli analisti dei servizi segreti negli Stati Uniti avevano concluso che il volo Malaysia Airlines MH17 era stato abbattuto da un missile aria-aria, e che il governo ucraino c’entrava qualcosa.

Questo corrobora una nuova teoria postulata da investigatori locali, secondo cui il Boeing 777-200 è stato colpito da un missile aria-aria e poi distrutto a colpi di artiglieria da un areo da caccia che gli si era affiancato mentre si stava abbattendo al suolo. (Tutti gli uomini della junta di Kiev, ecco chi sono i criminali sostenuti da USA e UE, ndr)

In un rapporto definitivo datato 3 agosto, intitolato “Flight 17 Shoot-Down Scenario Shifts”, il giornalista di Associated Press Robert Parry ha dichiarato che “alcune fonti di intelligence statunitensi avevano concluso che i ribelli e la Russia probabilmente non erano i colpevoli e che sembrava invece che i responsabili fossero le forze governative ucraine”.

Questa nuova rivelazione era stata pubblicata su Global Research, un’organizzazione di informazione e di ricerca indipendente.

In un comunicato diffuso dall’ambasciata ucraina Martedì, Kiev ha negato che i suoi caccia fossero in volo quando il MH17 è stato abbattuto. Questo comunicato segue una dichiarazione rilasciata dal Ministero della Difesa russo secondo il quale il controllo russo del traffico aereo aveva rilevato un’attività dell’Air Force ucraina nella zona lo stesso giorno.

Kiev ha negato anche tutte le accuse formulate dal governo russo, sostenendo che l’interesse principale del paese era di garantire una immediata, completa, trasparente e imparziale indagine internazionale sulla tragedia, attraverso l’istituzione una commissione d’inchiesta composta da esperti dell’Organizzazione internazionale dell’aviazione civile (ICAO) e dell’Eurocontrol.

“Abbiamo le prove che l’aereo è stato abbattuto dai terroristi sostenuti dalla Russia con un sistema BUK-M1 SAM ( SA-11 neklla denominazione della NATO), fornito dalla Russia insieme all’equipaggio. Il tutto è stato confermato dalla nostra intelligence, dalle intercettazioni telefoniche dei terroristi e dalle immagini satellitari.

“Inoltre, le forze armate ucraine non hanno mai usato missili anti-aerei da quando le operazioni anti-terrorismo sono iniziate, ai primi di aprile”, si legge nella dichiarazione.

Ieri, il New Straits Times ha citato degli esperti secondo i quali le fotografie dei modelli di frammentazione dell’esplosione sulla fusoliera dell’aereo di linea mostravano due forme distinte – il tipo di sbriciolamento associato ad una testata piena di “flechettes”, ed un tipo di fori di penetrazione più uniformi, a forma tonda, coerenti con dei colpi di artiglieria.

La conclusione di Parry derivava anche dal fatto che, nonostante le affermazioni dell’amministrazione Obama, non c’era stato uno straccio di prova tangibile che consentisse di concludere che la Russia avesse fornito ai ribelli il sistema missilistico antiaereo BUK-M1 che sarebbe stato necessario per colpire un aereo di linea civile che volava a 33.000 piedi.

Parry ha anche citato una intervista della Canadian Broadcasting Corporation del 29 luglio con Michael Bociurkiw, uno dei primi investigatori dell’OSCE ad arrivare sulla scena del disastro, nei pressi di Donetsk.

Bociurkiw è un osservatore OCSE ucraino-canadese che con un altro collega sono stati i primi osservatori internazionali a raggiungere il relitto dopo l’abbattimento del MH17 nell’Ucraina orientale.

Nell’intervista CBC, il giornalista nel video fa questa premessa: “Il relitto era ancora fumante quando un piccolo team dell’OCSE è arrivato sul posto. Per giorni, non è arrivato nessun altro.”

Due o tre pezzi di fusoliera sono stati letteralmente frantumati con un qualcosa che sembra quasi una mitragliatrice; da una mitragliata molto, molto potente,” ha detto Bociurkiw nell’intervista.

fusoliera

Parry aveva detto che la testimonianza di Bociurkiw è “quella che si avvicina di più ad una testimonianza basata su prove vergini e intatte. A differenza della interpretazione-analisi della scatola nera arrivata molto tempo dopo dai governi russo, inglese o ucraino, ognuno dei quali è parte in causa in questa storia, questa testimonianza di Bociurkiw è schietta, indipendente e proviene da uno dei due primi testimoni sul campo.

“Questo è una testimonianza autorevole di grande importanza. Bociurkiw è arrivato presto perché doveva negoziare con i locali per l’arrivo del resto della squadra dell’OSCE, che si stava organizzando per arrivare più tardi, ” ha detto Parry.

Anche il pilota Lufthansa in pensione Peter Haisenko è intervenuto sulla nuova teoria sull’abbattimento di Parry ed ha sottolineato i fori di entrata e di uscita intorno alla cabina di guida.

“Si possono vedere i fori di entrata e di uscita. Il bordo di una parte dei fori è piegato verso l’interno. Questi sono i fori più piccoli, rotondi e puliti, che mostrano come i punti di entrata sembrino derivare da un proiettile calibro 30 mm.

“Il bordo degli altri, i fori di uscita più grandi e leggermente sfilacciati, mostrano frammenti di punte di metallo prodotte da proiettili dello stesso calibro. Inoltre, è evidente che questi fori di uscita dallo strato esterno della doppia struttura rinforzata in alluminio sono triturati o piegati – esteriormente. ”

Egli ne ha dedotto che, per avere alcuni di quei buchi sfrangiati verso l’interno, e gli altri sfrangiati verso l’esterno, ci doveva essere stato un secondo caccia che ha sparato nella cabina di pilotaggio dal lato di dritta dell’aereo di linea. Questo è fondamentale, in quanto nessun missile (o scheggia di proiettile) sparato da terra che avesse colpito l’aereo di linea avrebbe potuto perforare la cabina di guida da entrambi i lati.

“Deve esserci stata una pioggia di proiettili da entrambe le parti che hanno abbattuto l’aereo. Questa è la scoperta principale di Haisenko. Non si possono avere proiettili che vanno in entrambe le direzioni – sia da destra che da sinistra – a meno che non siano arrivati al pannello da direzioni diverse.

“Nessuno prima di Haisenko aveva notato che i proiettili avevano perforato il pannello sia dal suo lato sinistro che dal lato destro. Questo esclude ogni missile sparato terra,” ha dichiarato Parry.

Fonte vocidallestero



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -