Siria: califfato islamico, seconda donna lapidata in 24 ore

Condividi

 

lapidazione

 

19 luglio – L’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus) afferma oggi che una seconda donna accusata di adulterio è stata messa a morte tramite lapidazione nel nord della Siria dai jihadisti dello Stato islamico (Isis). Si tratterebbe del secondo caso in 24 ore. L’Ong, con sede in Gran Bretagna, ma che si basa su una vasta rete di informatori in Siria, riferisce che la seconda lapidazione è avvenuta a Raqqa, capoluogo dell’omonima provincia, in una piazza nei pressi dello stadio municipale.

Ad eseguire la condanna sarebbero stati miliziani dell’Isis dopo che i cittadini presenti si erano rifiutati di farlo. Il primo episodio era stato segnalato ieri ad Al Tabqa, nella stessa provincia di Raqqa, dove, secondo l’Ondus, l’esecuzione di una donna di 26 anni è avvenuta nel mercato. Attivisti siriani residenti a Raqqa e Tabqa, avevano detto di non sapere nulla della prima lapidazione.

Condividi l'articolo

 



   

1 Commento per “Siria: califfato islamico, seconda donna lapidata in 24 ore”

  1. Assassini in veste di “rifugiati” che fra non molto saranno raccolti,anche loro,dall’operazione Mare MOSTRUM e sistemati nello Stivale in attesa del califfato iTAGLIANO !!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -