Alto Adige: basta tagli e sacrifici, i separatisti chiedono il distacco dall’Italia

tirolo

 

27 apr. – Da Brunico in Val Pusteria a piazza San Marco a Venezia, i separatisti altoatesini chiedono sempre piu’ con forza la separazione dell’Alto Adige dall’Italia. La provincia di Bolzano, che i secessionisti chiamano il Sudtirolo, da sempre e’ teatro di momenti di rivendicazioni territoriali ma quest’anno la voglia di lasciare il Bel Paese sembra essere ancor piu’ forte.

Nel giorno della Liberazione, un gruppo di altoatesini del movimento popolare di Suedtiroler Freiheit, il partito della ‘pasionaria’ Eva Klotz, si e’ dato appuntamento con i colleghi indipendentisti di Veneto e Trentino. In piazza San Marco, in occasione dei festeggiamenti per il Santo Patrono di Venezia, alcune centinaia di militanti si sono ritrovati sotto le bandiere del Leone alato per dimostrare la loro voglia di separazione. Per l’occasione sono state prodotte magliette con la scritta ‘South Tyrol & Veneto are not Italy’.

A Brunico, centro della Val Pusteria, un giovane candidato ad entrare in consiglio comunale, Matthias Hofer, si e’ fatto fotografare sotto il monumento all’Alpino da sempre oggetto di atti vandalici, da imbrattamenti e veri e propri danneggiamenti. Sul sito di Suedtiroler Freiheit, oltre a definire il monumento un ‘relitto fascista’, ha scritto: “ma quale festa della liberazione, il Sudtirolo e Brunico stanno ancora aspettano di essere liberati”.

Desiderio sempre piu’ forte anche in occasione dell’assemblea annuale degli Schuetzen tenutasi a Bolzano. Il comandante dei circa cinquemila cappelli piumati presenti in Alto Adige ha ribadito che “mai come in questo periodo chiediamo con forza il distacco da Roma che parla solo di nuovi tagli e ci chiede continuamente sacrifici.
L’unica cosa da fare e’ distaccarsi”. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -