Fmi: preccupazioni per i cambiamanti climatici

 

14 apr – La ripresa economica mondiale ha due principali zavorre, dicono dal Fondo Monetario Internazionale. Prima di tutto le insufficienti riforme strutturali degli stati membri e a seguire le tensioni geopolitiche, come la crisi Ucraina.
Ma queste non sono le uniche conclusioni del summit in cui si sono confrontati esponenti del FMI e della Banca Mondiale. In primo piano anche ambiente e lo sviluppo.

“È stato incoraggiante – sottolinea Christine Lagarde, direttore generale del FMI – ascoltare alcuni dei membri esprimere la preoccupazione per i cambiamenti climatici e per i problemi legati all’ambiente. Sono segnalazioni che ci spronano a lavorare per migliorare la situazione”. (Il tipo di lavoro sarà questo: spremere i cittadini per combattere un fantomatico global warming  ONU: serve un fiume di denaro per combattere il riscaldamento globale, ndr)

I segnali di ripresa ci sono ma sono ancora troppo fragili. Per garantire le riforme come quella sulla stabilità finanziaria , è piú che mai necessaria la riorganizzazione del FMI. Per questo è stato lanciato un appello a Washington.

“L’agenda del FMI è molto ambiziosa. La possibilità che venga attuata dipende in gran parte dalla volontà del Congresso degli Stati Uniti a ratificare le riforme del 2010. Cosa che Washington non ha ancora realizzato e che sembra quanto meno probabile in un anno in cui è previsto un appuntamento elettorale. Da Washington Stefan Grobe, euronews”.

Al Gore e il riscaldamento globale? Tutte balle

lagarde2



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -