Scambio di embrioni in ospedale, donna incinta di due gemelli non suoi

fecond13 apr.- A causa di uno scambio di embrioni tra coppie, dovuto a un errore, una donna é rimasta incinta di due gemelli di un’altra all’ospedale Sandro Pertini di Roma, dopo un trattamento di fecondazione assistita. Il caso clamoroso viene raccontato sul quotidiano La Stampa, secondo cui la Regione Lazio ha chiuso da alcune settimane l’Unità medica per la sterilità del Pertini e istituito una commissione di esperti per fare chiarezza.

Lo scambio di embrioni é avvenuto il 4 dicembre scorso, quando quattro coppie si sono sottoposte al trattamento di fecondazione assistita. Ma nonostante i molti test svolti prima della procedura qualcosa é andato storto e gli embrioni da impiantare sono stati scambiati. Con il risultato che ora una delle quattro donne é incinta al quarto mese di due gemelli con il profilo genetico di un’altra coppia. E l’ha scoperto al terzo mese.

E’ gia’ stato avviato l’iter del Ministero della Salute che, tramite il Centro Nazionale Trapianti, svolgera’ un’ispezione all’ospedale Sandro Pertini a Roma, sul “gravissimo caso del presunto scambio di embrioni nel centro di fecondazione assistita dell’ospedale, finora non segnalato all’autorita’ competente centrale”. Lo comunica lo stesso ministero, sottolineando che “le normative nazionali che attuano le direttive europee nel settore cellule e tessuti specifiche per la fecondazione assistita sono molto rigorose: le procedure indicate nelle norme, se applicate correttamente, garantiscono la tracciabilita’ di tutto il materiale biologico nel percorso di fecondazione assistita”.

Con riferimento quindi, “allo specifico caso segnalato oggi dalla stampa, il Ministero intende verificare quale sia stato il percorso seguito dal centro di fecondazione assistita dell’ospedale Pertini, se siano state rispettate tutte le procedure previste dalle leggi e le ragioni per le quali non ne sia stata data tempestiva informazione all’autorita’ centrale”.

L’ospedale, se confermato e’ un caso isolato

“La Direzione Generale, ferma restando la necessita’ di dare con immediatezza a tutte le coppie trattate nella seduta di cui trattasi ogni possibile supporto ed assistenza, ritiene di rivolgere a tutte le altre coppie che si sono gia’ servite del Centro di procreazione assistita, un messaggio di serenita’ precisando che, qualora fosse confermato quanto segnalato, si tratterebbe di un evento isolato ed accidentale che non deve generare preoccupazioni o dubbi nelle famiglie” afferma in una nota il direttore generale della Asl Roma B, Vitaliano De Salazar

Zingaretti, andare fino in fondo e punire gli errori

“E’ chiaro che, nel valutare gli esiti della commissione con la massima attenzione, andremo fino in fondo per essere vicini alla famiglia coinvolta e colpendo senza indugio qualsiasi errore o mancanza dovesse emergere dall’indagine, per ridare serenita’ agli operatori e a tutti i cittadini che si rivolgono all’ospedale Pertini” ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

Il Governatore ha voluto esprimere “piena fiducia e sostegno al nuovo direttore della Asl Roma B dottor De Salazar il quale, nominato da poco e venuto a conoscenza della vicenda, si e’ mosso con rapidita’, determinazione e professionalita’ per fare piena luce sul caso.
Voglio esprimere, altresi’, la massima fiducia nell’operato della autorevole commissione dei cinque esperti che la Asl ha insediato per chiarire a livello scientifico e senza ombra di dubbio quanto sarebbe avvenuto nell’ospedale Sandro Pertini”.
(AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -