Parma: Pizzarotti ha trovato i soldi per le famiglie. Sì. Quelle «arcobaleno»

pizzarotti

31 mar . Alla fine il Comune di Parma ha persino trovato i soldi per le famiglie. Quelle «arcobaleno», però. Già, perché la giunta a Cinque stelle, capitanata dal primo sindaco grillino d’Italia Federico Pizzarotti, dopo aver abolito il Quoziente Parma, che era la versione locale del Fattore famiglia, ha pensato bene di stanziare fondi, tramite due bandi appositi, per le persone Lgbt (acronimo che sta per lesbiche, gay, bisessuali e transgender) e le unioni omosessuali.

I FATTI. Come ha riportato Avvenire, lunedì 24 marzo il Comune di Parma ha pubblicato due bandi entrambi in scadenza il 4 aprile: «Uno per iniziative da organizzare in occasione della Giornata internazionale della famiglia fissata il 15 maggio, l’altro per analoghi interventi a favore della giornata internazionale contro l’omofobia del 17 maggio». Per quello inerente la famiglia è «previsto il patrocinio ed eventuali vantaggi economici (tariffe agevolate per l’utilizzo di spazi, strutture, attrezzature, risorse logistiche e servizi accessori), per l’altro sono previsti anche contributi in denaro (fino al 50 per cento delle spese, il 100 per cento nel caso di costi non superiori a mille euro)».
Curiosamente gli eventi dovranno svolgersi esclusivamente tra il 10 e il 18 maggio per poter godere dei contributi. Proprio gli stessi giorni in cui il Forum delle associazioni familiari dell’Emilia-Romagna ha organizzato, a Parma, la prima festa regionale della famiglia.

FAMIGLIE «ARCOBALENO». Leggendo con attenzione il bando, il Comune spiega che intende promuovere iniziative che «sappiano rivolgersi alla pluralità di tipologie di famiglia che la società oggi esprime». Quali sono? «Le famiglie ricomposte, ricongiunte, ricostituite», ma anche quelle «arcobaleno». E pazienza se in Italia l’unica famiglia costituzionalmente riconosciuta è ancora quella fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna, così come garantito nell’articolo 29 della Costituzione. È a tutti noto, infatti, che dire «famiglia arcobaleno» altro non è che un modo per indicare coppie e unioni di persone dello stesso sesso che famiglie, per ora, almeno in Italia, ancora non sono.
Le iniziative che saranno finanziate, prosegue il bando, devono essere «motivo di riflessione rispetto ad alcune tematiche di prevalente interesse». Come, per esempio, «la realizzazione di progettualità formative e di corretta comunicazione dirette a sensibilizzare gli ambiti familiari delle persone Lgbt finalizzate all’accoglienza, al sostegno e al superamento degli stereotipi culturali e sociali». […]

Tempi.it


   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -