Scabbia: disinfezione choc a Lampedusa. Immigrati: l’abbiamo presa qui nel centro

scabbia16 dic – Decine di migranti in fila, costretti a spogliarsi di fronte a tutti in mezzo al cortile del centro di accoglienza di Lampedusa per poi essere spruzzati di disinfettante con una pompa. E’ il contenuto di un filmato  girato solo due giorni fa dentro al cspa con un telefonino-

“Siamo trattati come animali”, si lamenta un ragazzo siriano, autore del filmato intervistato dal Tg2, “uomini e donne subiscono lo stesso trattamento, la stessa umiliazione ogni tre, quattro giorni, per curare la scabbia una malattia che molti di noi hanno preso proprio all’interno del centro“. “Sono immagini che ricordano i lager, che suscitano un forte senso di vergogna e di rabbia a soli due mesi dal naufragio del 3 ottobre che aveva suscitato lacrime e promesse”, commenta il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini che ha visto il video in anteprima.

Il Cspa di lampedusa è di nuovo al collasso con 700 presenze su 250 posti”. Lo dice il Comitato 3 Ottobre, che ”esprime anche profonda preoccupazione per il sovraffollamento permanente cui sono costrette centinaia di persone, tra cui decine di minori non accompagnati”.

“Il trattamento riservato agli immigrati nel Centro di Lampedusa, documentato nel servizio trasmesso dal Tg2, e’ indegno di un Paese civile”, ha commentato la Presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini, in una nota. “Uomini e donne, per essere sottoposti ad un trattamento sanitario, vengono fatti denudare all’aperto in pieno inverno.
Quelle immagini non possono lasciarci indifferenti. Tanto piu’ perche’ vengono dopo i tragici naufragi di ottobre e dopo gli impegni che l’Italia aveva assunto in materia d’accoglienza.
Quei trattamenti degradanti gettano sull’immagine del nostro Paese un forte discredito e chiedono risposte di dignita’.
Ringrazio il Tg2 per la testimonianza fornita: la buona informazione ci aiuta a non convivere rassegnati con le vergogne del nostro tempo”.

Anche il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, e’ intervenuto sulla vicenda, assicurando che “accerteremo le responsabilita’ e chi ha sbagliato paghera’”. “Entro 24 ore – ha affermato il ministro – avremo una relazione dettagliata, richiesta dalla Prefettura di Agrigento all’Ente gestore, per comprendere le ragioni di quanto accaduto e assumere le conseguenti decisioni” .



   

 

 

7 Commenti per “Scabbia: disinfezione choc a Lampedusa. Immigrati: l’abbiamo presa qui nel centro”

  1. Prima che arrivaste molti italiani non conoscevano l’esistenza della scabbia.

  2. I centri d’accoglienza paragonati a dei lager è eccessivo, tutte quelle persone che parlano di lager dovrebbero studiare un po’ la storia….
    E come dice Giorgio alcune generazioni di italiani non conoscono la scabbia….

  3. è possibilissimo che l’abbiano presa al CIE ma va anche PRECISATO che il portatore dell’acaro della scabbia con QUASI CERTEZZA ASSOLUTA sia tra di loro

  4. Fra non molto diranno che siamo stati noi a contagiarli con la scabbia.

  5. Se l’hanno presa al centro significa che altri loro conterranei l’hanno portata. Chi non li vuole lavare li porti, sudici come arrivano, a casa propria.

  6. Questo sindaco di Lampedusa è una emerita cretina, li porti a casa sua e dei suoi concittadini non appena arrivano, zozzi e sudici, sull’isola. Li troverà di sicuro più gradevoli.

  7. …ma quale vergogna!!!!! rimandateli da dove sono venuti e con lo stesso mezzo, la scabbia e altre malattie qui nn esistevano prima che arrivassero loro.Ma chi li ha chiamati, si vergognasse la Boldrini e la congolese complici con gli organizzatori di questi viaggi

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -