Terrorismo, Putin: “si vuole indebolire la Russia usando l’Islam radicale”

Vladimir-Putin

28 ott – Era diretta a Mosca Naida Asiyalova, la kamikaze daghestana che lunedì si è fatta esplodere su un autobus a Volgograd in Russia. Gli inquirenti ora cercano di capire perché abbia deciso di cambiare autobus prima di uccidere sei giovani di età compresa tra i 16 e i 26 anni.

Il leader del Cremlino, Vladimir Putin, incontrando i mufti di varie regioni islamiche russe, parla di “politicizzazione dell’Islam” per indebolire il Paese. “Alcune forze politiche usano l’Islam – sostiene Putin – o meglio le componenti radicali, tra l’altro lontane dalla tradizione dei musulmani russi, per indebolire il nostro Stato e creare conflitti probabilmente gestiti dall’estero”.

Gli investigatori ritengono che la Asiyalova portasse addosso mezzo chilo di tritolo. Almeno 30 passeggeri restano ricoverati: a una donna è stata amputata una gamba.

Questo martedì un’altra bomba è stata disinnescata in Daghestan. Il timore è quello di una nuova ondata terroristica non lontano da Sochi, la cittadina che ospiterà i giochi olimpici invernali.

A 100 giorni dall’evento è stato di massima allerta. Il capo della ribellione islamista nel Caucaso ha diffuso un appello “a fare di tutto” per impedire lo svolgimento dei Giochi. I servizi di sicurezza russi hanno introdotto un sistema di intercettazione delle comunicazioni di spettatori e atleti o chiunque altro si trovi a Sochi durante le olimpiadi invernali. euronews



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -