Immigrati: trafficanti reclutano clienti nei campi profughi, chiedono 2000 euro a persona

campi

4 ott – Il prezzo del sogno costa 2mila dollari. E’ quanto pagano gli immigrati per tentare di arrivare in Italia. Ma gli scenari negli ultimi anni sono cambiati. I porti di partenza sono sempre in Libia, ma ai poliziotti corrotti si sono sostituiti gli ex miliziani del regime Gheddafi, uomini senza scrupoli. I trafficanti “pescano” la loro merce nei campi rifugiati in Sudan o Kenya. La maggior parte viene dall’Eritrea, ma aumentano i siriani.

Da dove vengono – Nelle ultime due settimane sono giunti via mare ben 5.583 migranti ( CON UN GUADAGNO PER I TRAFFICANTI DI 11,166.000 MILIONI DI EURO) , di cui 3.807 uomini, 703 donne e 1.073 minori. Gli sbarchi sono stati 45, di cui 36 in Sicilia, 5 in Calabria, 3 in Puglia, 1 in Sardegna. In particolare a Lampedusa si sono verificati 13 sbarchi e sono giunti 1.998 persone (di cui 1.274 uomini, 274 donne e 450 minori). Tra le nazionalità dichiarate dagli immigrati al momento dello sbarco, i più numerosi sono i siriani (2.075); seguono eritrei (1.280); palestinesi (428); somali (317).

In piena crisi economica l’Italia ha regalato 117,4 mln di dollari all’Onu

Onu: la più grande associazione a delinquere del mondo?

Papa a Lampedusa, Onu: “Gesto di grande valore umano e simbolico”

Immigrati, Boldrini (Unhcr) contro l’Italia sul New York Times

Unhcr (ONU): in arrivo nuova ondata migranti, attrezzare Lampedusa

Boldrini (Unhcr): valorizzare figura del migrante come portatori di sapere e conoscenza

I bacini di reclutamento – La massa di immigrati, osservano gli esperti, viene dal Kenya o dal Sudan, dove si trovano decine di campi profughi. Qui i mercanti di morte reclutano i propri clienti, avvicinandosi ai rifugiati e promettendo la libertà in cambio di soldi. Altro fronte caldo, è l’area della Tripolitania in Libia, meta dei profughi siriani, un numero sempre più in ascesa a causa della guerra civile a Damasco. Resta comunque l’Eritrea il Paese dove avviene il maggior esodo. L’ex colonia italiana dal 1993 è sotto dittatura, che stritola la vita dei cittadini. Il servizio militare dura anni, l’opposizione è duramente perseguitata così come i giornalisti: chi può, cerca la fuga da un vero e proprio inferno. I mercanti di schiavi seguono le logiche del mercato: il numero di richieste è così alto che ormai si tenta di attraversare il mare anche con il maltempo in condizioni non favorevoli.  (TGCOM24)

Condividi

 

Articoli recenti