Immigrati: trafficanti reclutano clienti nei campi profughi, chiedono 2000 euro a persona

campi

4 ott – Il prezzo del sogno costa 2mila dollari. E’ quanto pagano gli immigrati per tentare di arrivare in Italia. Ma gli scenari negli ultimi anni sono cambiati. I porti di partenza sono sempre in Libia, ma ai poliziotti corrotti si sono sostituiti gli ex miliziani del regime Gheddafi, uomini senza scrupoli. I trafficanti “pescano” la loro merce nei campi rifugiati in Sudan o Kenya. La maggior parte viene dall’Eritrea, ma aumentano i siriani.

Da dove vengono – Nelle ultime due settimane sono giunti via mare ben 5.583 migranti ( CON UN GUADAGNO PER I TRAFFICANTI DI 11,166.000 MILIONI DI EURO) , di cui 3.807 uomini, 703 donne e 1.073 minori. Gli sbarchi sono stati 45, di cui 36 in Sicilia, 5 in Calabria, 3 in Puglia, 1 in Sardegna. In particolare a Lampedusa si sono verificati 13 sbarchi e sono giunti 1.998 persone (di cui 1.274 uomini, 274 donne e 450 minori). Tra le nazionalità dichiarate dagli immigrati al momento dello sbarco, i più numerosi sono i siriani (2.075); seguono eritrei (1.280); palestinesi (428); somali (317).

In piena crisi economica l’Italia ha regalato 117,4 mln di dollari all’Onu

Onu: la più grande associazione a delinquere del mondo?

Papa a Lampedusa, Onu: “Gesto di grande valore umano e simbolico”

Immigrati, Boldrini (Unhcr) contro l’Italia sul New York Times

Unhcr (ONU): in arrivo nuova ondata migranti, attrezzare Lampedusa

Boldrini (Unhcr): valorizzare figura del migrante come portatori di sapere e conoscenza

I bacini di reclutamento – La massa di immigrati, osservano gli esperti, viene dal Kenya o dal Sudan, dove si trovano decine di campi profughi. Qui i mercanti di morte reclutano i propri clienti, avvicinandosi ai rifugiati e promettendo la libertà in cambio di soldi. Altro fronte caldo, è l’area della Tripolitania in Libia, meta dei profughi siriani, un numero sempre più in ascesa a causa della guerra civile a Damasco. Resta comunque l’Eritrea il Paese dove avviene il maggior esodo. L’ex colonia italiana dal 1993 è sotto dittatura, che stritola la vita dei cittadini. Il servizio militare dura anni, l’opposizione è duramente perseguitata così come i giornalisti: chi può, cerca la fuga da un vero e proprio inferno. I mercanti di schiavi seguono le logiche del mercato: il numero di richieste è così alto che ormai si tenta di attraversare il mare anche con il maltempo in condizioni non favorevoli.  (TGCOM24)



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -