Boldrini (Unhcr): valorizzare figura del migrante come portatori di sapere e conoscenza

20 nov – “I rifugiati sono persone a rischio e vanno protette – ha spiegato Laura Boldrini nel suo intervento a Racalmuto (Agrigento) al seminario “Mai dire clandestino”, davanti a una folta platea – ed e’ importante che anche la stampa offra delle garanzie. I rifugiati sono ancora piu’ esposti dai regimi da cui erano fuggiti”.

E ha ribadito che i rifugiati “non sono dei poveracci, come troppo spesso vengono descritti, ma sono espressione di un fenomeno di globalizzazione. Persone che hanno il coraggio di cominciare da capo. Un valore di cui dobbiamo fare tesoro.

Ecco perche’ bisogna valorizzare la figura del migrante come portatori del sapere e della conoscenza“.

“I numeri dimostrano chiaramente che l’anno scorso, nonostante l’arrivo di oltre cinquantamila migranti solo a Lampedusa, non c’e’ stato alcun esodo di dimensioni bibliche, ma bisogna considerarli nella prospettiva di cio’ che e’ accaduto nel Mediterraneo con la rivolta della Primavera araba. Sono stati milioni i cittadini fuggiti dai propri paesi, ecco perche’ 50.000 persone non possono essere considerati un esodo”.



   

 

 

8 Commenti per “Boldrini (Unhcr): valorizzare figura del migrante come portatori di sapere e conoscenza”

  1. Concordo coi commentatori… provino ad andare in Australia, altro che cani e porci come qui che portano solo degrado, povertà, malattie e delinquenza! L’immigrazione qualificata non viene in Italia… Tieniteli un pò a casa tua invece di straparlare, boldrini (minuscolo). La gente come voi ha rovinato l’Italia…

  2. Fiorella Bartolomucci

    La maggioranza sono furbastri che hanno pagato migliaia di dollari gli scafisti, hanno soldi e protezioni qui. Da espellere.Si aiutino piuttosto i VERI profughi a tornare a casa loro.. Se c’é troppo pericolo, è preferibile riallocarli nei paesi vicini, e aiutarli li, spendendo infinitamente di meno che non con la pioggia di milioni di euro che si destina loro e NON ai ns connazionali in difficoltà gravissime. Se un italiano non ha lavoro, perde tutto, anche la casa,e finisce in strada, a meno che i familiari non lo mantengano e ospitino. Ma senza la famiglia-welfare..si finisce sui cartoni, o a dormire in macchina, se se ne ha una. I PROFUGHI ITALIANI NON HANNO DIRITTO A CHIEDERE ASILO ALL’ESTERO ( solo per gli extraeuropei, lo sapevate?). Nè ricevono aiuti economici dallo Stato italiano. Mentre si regalano 40 euro al di, alloggio vitto e schede telefoniche gratis ai “richiedenti asilo”( oltre 2000 E al mese se minore..)..sempre piu persone, dignitose, colte, ma “inutilizzabili”sul mercato del lavoro (ormai fuori età, o perdenti nella competizione con stranieri low cost, o o che guadagnano una miseria in lavori saltuari e precari) SONO BUTTATE IN STRADA. Mentre i furbi, extracomunitari in testa, si spartiscono la torta.
    BOLDRINI e i buonisti evidentemente della realtà ne sanno poco o niente..hanno il culo ben parato, loro.

    • carissima boldrini racconta ste favole a ki nn fa le spese dei superdiritti ke l italia concede ai clandestini extracomunitari………sono vedova kon 2 figli di cui uno invalido e nn ho diritto ad un lavoro qualsiasi xkè prima dei miei diritti vengono i loro ma i pilitici il voto e le tasse le kiedono ame italiana! NON SONO L UNICA A VERSARE IN QUESTA SITUAZIONE….C è PURE KI STA PEGGIO DI ME!!!!!!!!!!!!!!!VERGOGNATEVI ASSETATI DI POTERE!

      • Signora Serenella, lei ha ragione su tutta la linea. A lei nessun contributo mentre agli extracomunitari 1.500,00(millecinquecento euro) con casa ed assistenza sanitaria gratuita. Ecco i regali che hanno fatto i TECINICI nominati dall’Abbusivo del colle. Ricordiamocelo quando andiamo a votare.

    • nulla da dire,,,,,,,concordo perfettamente,,,per non aggiungere cattiverie gratuite che ti emergono in bocca………..

  3. Trovo raccapricciante il tono della totalità dei commenti.Ci sono tanti migranti, fuggiti dai loro paesi per guerre o regimi oppressivi, che chiedono aiuto. Molti scappano da guerre o dittature e possono benissimo avere una cultura e competenze. Ma fossero anche analfabeti che orribili esseri umani gli chiudono, a prescindere, la porta in faccia? Sopratutto chi si lamenta che all’estero i migranti italiani sono stati trattati male e peggio, si comporta allo stesso modo? Inorridisco. Aiutare chi è in difficoltà dovrebbe essere un imperativo morale, uno di quelli che ci rendono umani. Tanto odio per il prossimo, per di più in difficoltà, lo trovo davvero triste e penoso…

    • Ma dico: ma di quale prossimo lei parla, questi vengono a casa nostra e vogliono imporre le loro(selvagge) regole di vita e comportamentali, infatti i “CATTIVI MAESTRI” di sinistra dove la gente non protesta stanno facendo sparire anche i crocifissi che fanno parte del nostro essere cristiani, e per il solo fatto che c’e’ qualche beduini in classe per non irritare la loro suscettibilita’ lo si fa’ sparire. Ma siamo diventati matti ?? se non gli va bene il nostro saper vivere “CIVILE e DEMOCRATICO” che se ne tornino da dove sono venuti.

      • Theng uh salam

        si certo ! Si leva il Crocifisso per non offendere ” i non cristiani” e poi permette ai “non cristiani” di ostentare i segni della loro religione in pubblico … come il “velo in testa” , il burqa o altre amenità simili …
        Bisognerebbe prendere gli italiani che lo permettono e fargli fare il giro della citta a calci inn culo!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -