Donne del PD: “Se salvate il Cav, non facciamo più tortellini”

tortell16 sett – Festareggio, quest’anno, ha rischiato di rimanere senza tortellini. La minaccia arriva dalle signore impiegate ogni giorno a sfornare più di 5 mila tortelli, fatti a mano, per sfamare le bocche degli invitati alla festa del Partito Democratico di Reggio Emilia. “Se il Pd salva Berlusconi, noi non lavoreremo più“, fanno sapere le “tortellaie” in un’intervista rilasciata alla Gazzetta di Reggio. Anna è dal 1975 che viene alla Festa, e in questi 38 anni ha visto sfilare tutta la dirigenza nazionale di centro-sinistra, fino all’ultima creatura, il Pd appunto: “E ancora non sono riusciti a mandare a casa Berlusconi. Se stavolta lo salvano, io qui non vengo più”.

“Il Pd ci ha deluso” –  Tra pezzetti di pasta e ripieni di pesto e carne, le volontarie dell’evento parlano delle loro idee politiche: “Io voto a sinistra, ma adesso sono un po’ scocciata: siamo davvero bravi a danneggiarci da soli. Vorrei vedere più unione nel partito e capire bene chi ha deciso di tagliare le gambe al segretario. Bisognerebbe cambiare un po’ di teste e costruire insieme, non accusarsi a vicenda”, dice Elisa, pensionata neo-tortellaia. La segue a ruota Eva, comunicando alla Gazzetta che essere lì “significa credere nel volontariato per un ideale. Quando noi non verremo più, chi ci sarà a sostituirci?”. Menomale che la prima votazione per la decadenza di Silvio è stata posticipata a mercoledì, e la festa di Reggio Emilia è già conclusa. Per quest’anno, pericolo scampato.



   

 

 

2 Commenti per “Donne del PD: “Se salvate il Cav, non facciamo più tortellini””

  1. Bene….potete fare sempre la nobile arte che avete sognato…….

  2. Care Signore peggio per voi!!! L’Italia non morirà di fame senza i vostri tortellini!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -