Papa: prego per la pace e il dialogo in Egitto

PAPA

CITTA’ DEL VATICANO, 15 AGO – “Giungono purtroppo notizie dolorose dall’Egitto: desidero assicurare la mia preghiera per le vittime, i loro familiari, i feriti e quanti soffrono”, “preghiamo insieme per la pace, il dialogo e la riconciliazione in quella cara terra e nel mondo intero”. Così il Papa prima dell’Angelus.

“Non lasciatevi rubare la speranza!”. Anche oggi alla messa per la solennità dell’Assunzione a Castel Gandolfo papa Francesco ha ripetuto, con un’aggiunta a braccio al discorso, il suo monito ai fedeli. “La speranza è una grazia, è un dono di Dio”, ha spiegato Francesco Chiesa sempre in lotta contro azione maligno – “La Chiesa, se in Cielo è già associata alla gloria del Suo signore, nella storia vive continuamente le prove e le sfide che comporta il conflitto tra Dio e il maligno, il nemico di sempre”,e “in questa lotta che i discepoli di Gesù e noi tutti dobbiamo affrontare Maria non ci lascia soli”.

L’omelia di Bergoglio si è concentrata “su tre parole chiave: lotta, risurrezione, speranza”. “Il brano dell’Apocalisse – ha spiegato il Papa -, presenta la visione della lotta tra la donna e il drago. La figura della donna, che rappresenta la Chiesa, è da una parte gloriosa, trionfante, e dall’altra ancora in travaglio. Così, in effetti, è la Chiesa” con il perenne “conflitto” tra Dio e il maligno, “il nemico di sempre”. “Anche Maria – ha aggiunto papa Francesco -, in un certo senso, condivide questa duplice condizione” e “ci accompagna, lotta con noi, sostiene i cristiani nel combattimento contro le forze del male”. Papa Francesco ha poi parlato della Risurrezione ricordando che “anche Maria ha conosciuto il martirio della Croce: la Passione del Figlio l’ha vissuta in fondo nell’anima”. Maria, ha ripetuto a braccio, “ha sofferto nel suo cuore”.

Condividi l'articolo

 



   

2 Commenti per “Papa: prego per la pace e il dialogo in Egitto”

  1. Il maligno ha un nome: islam. Il pastore deve avere coraggio, altrimenti che pastore è? SANTITA’ ……..I CRISTIANI STANNO MORENDO….I LUPI RAPACI (matteo 7, 15) STANNO SBRANANDO LE SUE MIGLIORI PECORELLE…..forza, abbia almeno il coraggio di chiamare il maligno per nome……
    Leggete anche voi la lettera di Silvana De Mari pubblicata sul sito di Magdi Cristiano Allam ioamolitalia.it

  2. invece di pregare, smettila di considerare fratelli i “fratelli mussulmani” .

    sono degli oscurantisti e la loro non e’ una religione ma una ideologia. Ostacolano qualunque spirito di liberta’ e si fanno beffe dei piu’ elementari diritti civili.
    Dei piu’ elementari ed inalienabili diritti di liberta’ e scelte individuali.
    La civilta’ e’ data dal rapporto dell’uomo verso l’altro uomo, Ma mi par di capire che l’Islam ( ci saranno eccezioni?) non sappia nemmeno cosa sia la civilta’ che non e’ da confondere con il progresso.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -