Abbiamo speso 20 miliardi di euro per campagne pro-gay e aborto

Ma quanto ci costano gli omosessuali? Esattamente quanto ci costa l’aborto di Stato. Che è la stessa cifra dell’Imu che pesa sulle nostre tasche.

gay

31 lug – I 191 Stati membri dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (scusate il prequel noioso) si sono impegnati a realizzare entro il 2015 otto punti programmatici. Li hanno pomposamentegay_parade_22 definiti “i punti del millennio” (evidentemente nei restanti 85 anni del secolo XXI gireranno i pollici). Fra quegli otto spicca la lotta alla povertà nel mondo. All’inizio di giugno sempre gli stessi 191 dell’Onu hanno approvato l’ennesima carta bollata, redatta in una quarantina di pagine dalla Commissione sviluppo, Report sugli obiettivi di sviluppo del millennio – definizione del quadro post-2015. Il quale Report, per combattere la povertà nel mondo, esige «particolare attenzione» alle «persone Lgbt» (lesbiche, gay, bisex e trans) appena un attimo dopo avere incoraggiato «la salute sessuale e riproduttiva […] anche fornendo pianificazione familiare volontaria, aborti sicuri e contraccettivi». Come? Attraverso iniziative, programmi, promozioni, incentivi, aiuti, monitoraggi, organismi, funzionari, burocrazie. Chi paga? Noi, come illustrata il punto 69 (absit iniuria verbis) del suddetto documento: prelievo dello 0,7% del PIL nazionale di ognuno dei 191 Paesi ONU più una tassa speciale sulle transazioni finanziarie. La Tobin Tax per sostenere omosessuali e aborto.

Ha spiegato tutto Tommaso Scandroglio sul quotidiano online La nuova Bussola Quotidiana del 10 luglio, calcolando che lo 0,7 del Pil italiano ammonta a circa 10 miliardi di euro. Sul medesimo quotidiano, l’11 maggio, elaborando dati forniti dal noto pro-tasselifer Mario Palmaro, calcolavo che gli aborti chirurgici praticati dal 1978 a oggi in Italia (Paese dove l’aborto lo passa il servizio sanitario nazionale sostenuto dalle tasse) sono costati agli italiani tra i 7,5 e i 9 miliardi di euro, cioè grosso modo l’ammontare della prima tranche dell’Imu pagata nel giugno 2012.

Ricapitolando: 10 miliardi di Gay tax non imposta + 7,5/9 miliardi di Abortion Tax abolita = quasi 20 miliardi di risparmio – i 4 miliardi che il governo Letta sta ancora affannosamente cercando nelle nostre tasche per finanziare lo Stato pena il rincaro dell’Iva (forse solo rimandato) e il ritorno dell’Imu (che ancora pende sui nostri capi come la famosa spada di Damocle) = 13,5/15 miliardi di avanzo virtuoso, ovvero soddisfazione dei cittadini e tenuta delle finanze pubbliche. Ecco, voglio il Nobel per i conti della serva. Chi vuole intrattenersi con persone del proprio sesso o sopprimere il bimbo che si porta in grembo apra il proprio di borsellino, i desideri son mica welfare.

lintraprendente



   

 

 

2 Commenti per “Abbiamo speso 20 miliardi di euro per campagne pro-gay e aborto”

  1. scusa non ho capito bene la posizione del giornale su questo articolo, puoi chiarire?

  2. Il risultato ultimo di questa (cultura) che spaccia mostruosita’ per difesa dei diritti?.

    In Usa, il caso Gosnell mette in crisi la legislazione abortista.
    Nella clinica degli orrori, tra gli ‘aborti tardivi’, uccisi centinaia di bambini nati vivi. …: veniva recisa la spina dorsale con delle forbici all’altezza del collo.

    E ricordo che noi italiani siamo antesignani di questa (cultura).

    Emma Bonino.
    In un’intervista del 1975 racconta al settimanale Oggi le modalità con cui procura gli aborti, ovvero ”con una pompa di bicicletta, un dilatatore di plastica e un vaso dentro cui si fa il vuoto e in cui finisce il contenuto dell’utero”.

    “Io uso”, spiega con dovizia di particolari, “un barattolo da un chilo che aveva contenuto della marmellata.

    Alle donne non importa nulla che io non usi un vaso acquistato in un negozio di sanitari, anzi è un buon motivo per farsi quattro risate“.

    Una totale mancanza di rispetto non solo della vita, ma dell’umanità stessa delle donne, spinte a “farsi quattro risate” davanti ai resti dei loro figli trattati come confettura. Parole incommentabili, letteralmente.
    Gravidanze come malattie, figli come virus da estirpare.

    /—-/

    Questa (cultura) deriva dal neo-malthuanesimo ?

    Il controllo demografico per giungere ad un governo mondiale ed un governo mondiale per ottenere il controllo demografico.

    Crisholm indicò anche nel relativismo etico, che si è rivelato la più grande arma di distruzione di massa mai inventata, facendo finora almeno due miliardi di morti, l’unica strada per arrivarvi.

    Concludendo visto che abbiamo speso 20 miliardi di euro per campagne pro-gay e aborto”

    Sarebbe bello permettere a chiunque di abortire.. a condizione che finisca l’opera da sola.

    Il BAMBINO ( la parola feto farebbe meno paura) sulla pancia
    … e una forbice in mano per tagliargli la spina dorsale..

    Per poi gettarlo in un bel barattolo di marmellata e magari farsi 4 risate come consiglia la Emma Bonino.

    Perche’ di questo parliamo non di (diritti) ..

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -