Federcontribuenti – Il potere della mafia cinese: l’allarme degli 007 italiani

triadi1

20 giu – Tredici anni fa, con D’Alema in Italia, Schroeder in Germania, Jospin in Francia e Blair in Gran Bretagna, abbiamo ammesso la Cina nella World Trade Organization. La mafia cinese ha fatto dell’Italia il suo quartiere generale. Tutti i commercianti cinesi devono rifornirsi dalle aziende indicate dalla Triade, la mafia cinese. Quando una coppia cinese si sposa, la comunità cinese del luogo è obbligata ad aprirgli un negozio come regalo. La Cina ci fa una spietata guerra commerciale mentre non veniamo difesi da niente e nessuno. Chi ci guadagna? Capitalisti, politici e mafiosi.

(Riciclaggio di denaro: 4 miliardi di euro dall’Italia alla Cina ndr)

La Banca d’Italia è a conoscenza di questo flusso di denaro tra Italia e Pechino, un flusso continuo di denaro che nulla lascia alle nostre casse pubbliche. I cinesi sono obbligati a comprare qualsiasi bene da aziende indicate dalla Triade. Ogni sgarro lo si paga con la vita. Un economia interna che avanza e non arresta e che non conosce crisi. Pezzi di economia italiana andata in fumo. Nessuna forma di razzismo, la popolazione civile cinese è vittima di una barbara forma di schiavismo: si arriva al sequestro di persona. Impiegati nelle fabbriche clandestine lavorano in condizioni inaccettabili, malmenati e ridotti alle catene. Dietro questo fenomeno importanti multinazionali, le stesse che riescono ad accordare diverse politiche e sistemi di criminalità.

In Italia hanno distrutto totalmente la produzione e la lavorazione del tessile, la loro concorrenza unito al potere finanziario ci ha comprati e cacciati da casa nostra. Dal tessile si sono affermati in ogni altro comparto per noi strategico, dall’alimentare, ai rifiuti, all’energia alternativa. La Cina non è più una potenza nascente, ma, una potenza affermatasi e un paese che utilizza il dumping sociale, ambientale, fiscale per guadagnare mercati internazionali, o minaccia ritorsioni ai Stati che osano sfidare queste pratiche è un paese che ci sta facendo una guerra commerciale.

Ogni anno dall’Italia partono oltre un miliardo di euro diretto in Cina. Una evasione fiscale che nessuno osa contrastare perché, nel commercio cinese, si muove una potenza mafiosa che ha saputo crearsi spazi e collaborazioni con le nostre mafie. Accordi silenziosi. La Triade, la quinta mafia italiana, ci ha colonizzati, ora si tratta di combatterla. Un fenomeno conosciuto da Pino Masciari: ” migliaia i clandestini cinesi che entrano in Italia dai canali ufficiali con visti turistici e allo scadere dei due mesi, diventano clandestini e i loro documenti riciclati per farne passare altri.

 Le mafie cinesi, alleandosi con le mafie italiane, hanno stretto alleanze strategiche e intrapreso business milionari nel campo della prostituzione e del gioco d’azzardo oltre a gestire tutta la manodopera. Il governo dovrebbe agire concretamente con leggi che regolamentano sia l’accesso nel nostro paese, sia la possibilità di avviare attività commerciali, che nel 90% dei casi sono a copertura di attività illegali, da parte dei cittadini del Sol Levante. Dovrebbe adoperarsi, per aiutare le piccole e medie imprese italiane in difficoltà, invece offre aiuti e sgravi fiscali ai cittadini di altre nazioni che si insediano sul nostro territorio a scapito della nostra economia

“Secondo Paccagnella, presidente di Federcontribuenti: ” i nostri 007 lanciano periodicamente allarmi su questo fenomeno (vedi link sotto, ndr), tuttavia, nessun intervento politico si intravede a breve termine, perchè? Anche il Copasir è a conoscenza di importanti documenti sulla mafia cinese in Italia, perchè tanto silenzio? ” Continua Masciari: ” La politica italiana ha permesso che il mercato cinese si fortificasse con le recenti acquisizioni del 30% di azioni della Eni East Africa, dell’acquisto della multinazionale produttrice di yacht Ferretti, la proposta di investire 4 milioni di euro nell’area Ex Falck a Sesto San Giovanni e la nascita della prima filiale italiana della Industrial and Commercial Bank of China, il segnale di un settore finanziario che domina anche attraverso un sistema bancario ”.

In un territorio in cui proliferano le mafie nazionali e in cui il contrasto giudiziario non è coadiuvato da leggi ancora più severe e prive di scappatoie, a maggior ragione i sodalizi esteri comportano un serio pericolo di devastazione economica e di legalità. E’ necessario captare l’allarme che le investigazioni della DIA fanno emergere e osteggiare il fenomeno all’origine, intervenendo con verifiche iniziali circa l’insediamento economico di centri organizzati dal popolo cinese emigrato, ponendo dei margini che vanno a tutelare il mercato nazionale innanzitutto e sbarrare con efficacia immediatamente l’ insediamento di ulteriori organizzazioni criminali. Se ciò è avvenuto, come si apprende dalle relazioni investigative, vuol dire che c’è una criticità su cui occorre intervenire legislativamente ora, prima che sia troppo tardi. E’ troppo concedere la presenza di “una quinta mafia” nel nostro piccolo territorio devastato già dal proprio cancro mafioso. Dove andremo a finire? ”

Fonte federcontribuenti

*********

Prodi: UE e Usa contano poco, l’Asia e’ la vera’ novita’

Cinesi alla conquista delle aree Falck. Servizi segreti in allarme

Servizi segreti lanciano l’allarme Cina, Prodi querela Libero

Banche, servizi segreti: soci opachi e attacco di gruppi stranieri al nostro patrimonio industriale e tecnologico

La mafia cinese in Italia

Maxi evasione, “L’agenzia serve a riciclare i soldi della mafia”



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -