UE: inchiesta per continuo passaggio di funzionari tra Commissione europea e lobby

Nikiforos Diamandouros

Nikiforos Diamandouros

15 febbr – Il difensore civico europeo, Nikifiros Diamandouros, ha aperto oggi un’inchiesta per far luce sul conflitto d’interessi per il continuo passaggio di funzionari tra Commissione europea e lobby e viceversa, il cosiddetto fenomeno delle ‘porte girevoli’ denunciato nell’ottobre scorso da quattro Ong difensori della trasparenza istituzionale tra cui Greenpeace, Corporate Europe Observatory, Lobbycontrol e Spinwatch.

Nel loro esposto le Ong hanno documentato una serie di casi in cui sono state violate le regole per il passaggio di personale tra l’esecutivo europeo e le lobby. Secondo le norme fissate dalla stessa Commissione europea dovrebbero passare due anni dal momento in cui un funzionario lascia l’esecutivo e quello in cui entra in carica un nuovo lavoro. Ed il passaggio potrebbe essere vietato se si ravvisasse un potenziale conflitto d’interessi.

”Per troppo tempo – afferma il direttore di Greenpeace Europa, Jorgo Riss – la Commissione ha chiuso gli occhi sul conflitto di interessi che sorge quando un euroburocrate cambia lavoro e diventa lobbista o quando un lobbista comincia a lavorare per l’amministrazione europea. L’apertura dell’inchiesta e’ una buona notizia e dovrebbe indurre la Commissione a fermare quelle porte girevoli”.

Secondo quanto reso noto dalle Ong che hanno presentato il ricorso, nel corso dell’inchiesta del difensore civico verra’ chiesta alla Commissione europea la lista di tutti i trasferimenti di personale degli ultimi tre anni. Lista che, sottolineano, e’ stata negata alla richiesta delle Ong. ansamed



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -