Protesta dei rifugiati: vogliono piu’ soldi, aggrediti i poliziotti

Condividi

 

3 genn . «A me danno 30 euro al giorno – racconta Issa, giovane del Burkina Faso che, dopo essere scappato nel 2011 dalla Libia, vive a Sezze con moglie e figlio assieme a un’altra coppia di immigrati – altrove 35, a Latina ne danno addirittura 40. Eravamo qui per chiedere i dieci euro in più che ci erano stati promessi»

LIn una trentina si sono radunati sotto la sede dell’ente di volontariato, in largo Bruno Buozzi, dove la presidente della coop che si occupa di assistenza e integrazione dei richiedenti asilo, la ruandese Marie Thérèse Mukamitsindo, aveva dato appuntamento ad alcuni per ascoltare le loro richieste. Ma, di fronte all’impossibilità di accontentarle, l’insofferenza dei più agitati si è tramutata nuovamente in una forte contestazione verbale.

La responsabile di Karibù è stata accerchiata nel suo ufficio e ha quindi chiesto l’intervento delle forze dell’ordine. Solo l’intervento della polizia, che l’ha caricata in auto per sottrarla alle rimostranze dei profughi, ha evitato lo scontro fisico. Sono stati attimi di tensione: alcuni immigrati hanno preso a calci l’auto della polizia. In serata uno di loro è stato arrestato per danneggiamento, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Due sono stati denunciati per danneggiamento e resistenza. Sono tutti ghanesi. il messaggeri

Condividi l'articolo

 



   

13 Commenti per “Protesta dei rifugiati: vogliono piu’ soldi, aggrediti i poliziotti”

  1. Mia moglie lavora come guida in Palazzo Ducale alle dipendenze di una cooperativa, al solito, di sinistra.
    Conduce quotidianamente circa cinquanta persone nel tour denominato ITINERARI SEGRETI.
    Il costo del biglietto al turista viene a costare € 20, come a dire che contribuisce a far entrare nelle casse della Coop. e del Comune € 1000 al giorno.
    alla fine del mese riceve un compenso che supera di poco gli € 800 e, a volte, nemmeno quelli.
    È proprio vero che la attuale classe politica ci ha venduti e si prodiga per eliminare la nostra civiltà e cultura.
    I soldi naturalmente, quelli veri, vanno ai difensori della “CLASSE OPERAIA” che, hai voglia, vada in Paradiso.
    Per quelli della nostra razza anche quello è precluso.
    Le chiavi le tengono i preti.
    I preti predicano per la costruzione delle moschee: siamo proprio mal messi.

  2. Sapete cosa ha detto il serafico Bersani? ” la prima cosa che faro’ in caso di vittoria sarà dare la cittadinanza agli extracomunitari”… Beh, se questo serve a togliere loro la diaria e farli diventare come gli italiani in miseria… Allora faccia pure.

    • Cara Signora Rosa,ne dubito molto che gli extracomunitari diventino come noi e cioè in miseria,sarà invece il contrario,saranno ancora piu’ privilegiati da partiti e sindacati per farsi poi restituire il voto e così facendo NOI rimarremmo sempre con i soliti STRONZI al governo,è già stato un insulto nei nostri confronti averli ” accolti ” nel nostro Paese sapendo benissimo che non eravamo in grado di supportarli e tantomeno SOPPORTARLI! In più danno loro una provigione di 35 Euro al giorno senza fare un emerito cazzo di niente quando ci sono dei poveri pensionati che prendono una misera pensione di 400 Euro al mese tassata. Sarebbe ora di andare a prendere a calci e bastonate sul groppone quegli insulsi politici e governanti del cazzo.Scusate il mio sfogo ma non se ne può proprio più di sentirsi essere presi per il culo ogni giorno! Un salutone a Tutti Voi!

  3. Ormai l’Italia è diventata la vigna dei coglioni …..bastaaaaa !!!

  4. se va su Gargamella a questi gli da’ pure la cittadinanza italiana.

  5. ben a ei refugiati va ben ,ma alle migratti e tropo.Quando penso che di questi tempi famiglie italiana che anno bisognio daiuto Niente.ASARE AL SUOLE LI DOVE SONO.

  6. ringraziamo i comunisti, preti e sindacati!!! sono loro quelli che ci guadagnano…eccome!! Andate nrgli uffici dei sindacati e vedrete…un disastro per noi!!!

  7. Io ero un artigiano,un prestatore di manodopera nel montaggio dei serramenti.ho chiuso ad inizio 2012 perchè quel poco lavoro che avevo non mi permetteva piu di mantenere la mia ditta e ovviamente me stesso………….a me non da un cazzo nulla nessuno, non trovo lavoro nonostante abbia un mestiere come falegname,da le mie parti ormai il lavoro latitae questi si lamentano pure…….li voglio pure io 35 euro al giorno,ho sempre pagato le mie tasse e i miei contrubiti,ne avrò diritto o no ??????????

    • Ciao Daniele,contattami: Carlo79@citromail.hu

      • Daniele ti capisco eccome…ma l’Italia se leggi la nostra storia e’ sempre stata che ha tolto agli italiani ed ha dato agli invasori,gia’ da tempi remoti,ogni volta che avveniva una grande immigrazione,il governo toglieva e non dava piu’ nulla agli autoctoni,per dare ai nuovi venuti..storia vecchia,come vecchie sono le famiglie che comandavano e che comandano tutt’ora…

  8. e noi moriamo di fame bene noi italiani senza lavoro vergogna è una vergogna è tutto un pretendere se noi andiamo da loro con cavolo ci ammazzano basta assistenzialismo agli stranieri ecco basta

  9. Hanno ragione,,,,,perchè non 50 €?? chissà che per esuberanza non ne buttino pò nei casonetti dove gli Italiani rovistano per trovare scarti da mangiare,,,,,,,,,,Bastardi,,,,,,,,,,,,,,,chi li foraggia alla faccia della ns/ povertà……..Fuori anche loro….

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -