Secondo Monti disperazione e miseria servono a restituire la dignità?

12 mag – “Il rigore chiesto dal governo, consapevoli dei sacrifici che comportava, non è stato un cedimento a logiche decise da altri in altri luoghi, ma l’opposto: l’invito a condividere uno scatto d’orgoglio da parte degli italiani per un futuro migliore”. Lo ha sottolineato il premier Mario Monti.

Abbiamo dovuto usare linguaggio del rigore, necessario per restituire all’Italia la dignità e il ruolo che ci spettano tra i grandi Paesi europei. E lo abbiamo fatto – ha riconosciuto Monti – poggiando il nostro impegno sugli sforzi già avviati in questi anni dai precedenti governi, che si sono trovati, come noi, ad affrontare una situazione difficile creata da quella cultura del debito che per decenni ha alimentato l’illusione che si poteva godere di beni e servizi senza preoccuparsi di chi avrebbe pagato, e senza preoccuparsi dell’efficienza che è un dovere morale quando si usano risorse ristrette”.



   

 

 

1 Commento per “Secondo Monti disperazione e miseria servono a restituire la dignità?”

  1. l’efficienza è un dovere morale sempre , non solo quando le risorse scarseggiano ! In quanto al rigore morale dovreste esservelo applicato da soli , invece siete dei farabutti e continuerete ad esserlo sempre perchè se non lo foste non andreste in pensione 7 anni prima del limita che avete imposto a tutti noi e per giunta senza i contributi versati che chiedete a tutti noi! Avete la cultura del privilegio e ci tenete a mantenerla , tanto è vero che alla vigilia di una operazione di macelleria sociale come quella che avete perpetrato ai nostri danni , Lei in persona si è fatto nominare senatore a vita! Un modo come un altro per mettersi al riparo da ogni evenienza! VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -