Guasto in centro di procreazione assistita: persi 94 embrioni

31 mar. – Incidente al centro di procreazione medicalmente assistita dell’ospedale San Filippo Neri di Roma. A quanto si apprende, a seguito di un guasto, si sarebbe verificata la perdita di 94 embrioni e altri materiali, ovociti e campioni di liquido seminale dei pazienti del centro. La causa all’origine dell’incidente, confermano dall’ospedale, sarebbe un problema che si è verificato all’impianto di azoto liquido che permette il corretto funzionamento della crioconservazione dei materiali biologici necessari per le prestazioni di Pma.

“Il giorno 27 marzo presso il centro di Procreazione medicalmente assistita dell’ospedale San Filippo Neri si è verificato un incidente all’impianto di azoto liquido che alimenta il servizio di criobiologia per la crioconservazione di materiale biologico – comunica una nota della Direzione Generale dell’Azienda Ospedaliera San Filippo Neri – Si è verificato un innalzamento della temperatura, con azzeramento del livello di azoto, lo svuotamento del serbatoio, e la conseguente perdita di 94 embrioni, 130 ovociti e 5 campioni di liquido seminale”.

“Dopo aver effettuato i primi accertamenti sull’accaduto – sottolinea la Direzione Generale dell’Azienda Ospedaliera – la struttura responsabile del Centro di Procreazione medicalmente assistita ha avviato le procedure per informare le persone interessate assistite dal Centro Pma del San Filippo Neri”. “Il direttore generale Domenico Alessio ha inoltre presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Roma – conclude – e ha contestato quanto accaduto alla ditta responsabile della conduzione, manutenzione e controllo dell’impianto di crioconservazione”.

Il ministro della Salute, Renato Balduzzi, riferisce una nota, ”è stato informato dell’incidente” e ha chiesto una “immediata relazione al Centro Nazionale Trapianti, che ha disposto un’ispezione che avrà luogo nella giornata di martedì prossimo 3 aprile”. “Il ministro – si legge – ha chiesto anche un rapporto dettagliato al Dipartimento della sanità pubblica e dell’innovazione. Nel corso della mattinata di oggi ha avuto un colloquio con il presidente della Regione Lazio, Renata Polverini. Il ministero precisa che sono state applicate tutte le norme in vigore nel caso di evento avverso grave, secondo le direttive dei Decreti legislativi n. 191/2007 e n. 16/2010 e dell’Accordo della Conferenza Stato Regioni del 15 marzo 2012”.

L’assessorato regionale alla Salute del Lazio, su indicazione della presidente della Regione Lazio, ha disposto l’invio di ispettori che avranno il compito di verificare con esattezza quanto accaduto e di accertare il rispetto di tutte le norme di sicurezza previste dai protocolli di crioconservazione che devono essere applicati in un Centro Pma. adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -