Olanda, nuovo fronte: suicidio assistito per over 70

10 marzo – In Olanda, Paese dove l’eutanasia è legale dal 2002 e dove dalla scorsa settimana vi è una clinica che garantisce assistenza a domicilio, si apre un nuovo, controverso, fronte della battaglia per la ‘dolce morte’: il suicidio assistito per anziani che non hanno una malattia terminale, ma considerano che non abbia più senso vivere. L’iniziativa è portata avanti dal gruppo ‘Uit Vrije Wil’, per la libera scelta, che ha inviato una lettera al Parlamento olandese, la cui maggioranza appare contraria alla misura.

Gli animatori della campagna, coordinata da Yvonne van Baarle, da 4 mesi portano avanti un’azione di lobby all’interno del governo olandese affinché si modifichi la legge per l’eutanasia, varata 10 anni fa, in modo da comprendere anche la possibilità di un suicidio assistito per le persone che hanno superato i 70 anni e che non intendano più continuare a vivere.

“In alcune situazioni non si vede la possibilità di andare avanti con una vita che abbia un pieno significato e si sente che invece di vivere si sopravvive”, si legge nella lettera inviata dalla campagna che finora ha ottenuto l’appoggio di personaggi del mondo dello spettacolo olandese, come la conduttrice televisiva Mies Bouwman e l’attore Paul van Vliet, e di politici come Frits Bolkenstein, del partito di destra Vvd che fa parte della coalizione di governo, o Hedy d’Ancona, del partito dell’opposizione Pvda.

Nonostante questo, la maggioranza dei parlamentari appare contraria all’allargamento della legge sull’eutanasia anche al suicidio assistito di over 70. Per il Vvd – che governa con il democristiano Cda, con l’appoggio del partito dell’estrema destra Pvv di Geert Wilders – è proprio il limite d’età la questione più controversa: “Come si fa a decidere che qualcuno di 69 anni debba essere distinto da qualcuno di 70 e più?”, afferma un portavoce del partito. Anche l’Ordine nazionale dei medici ha espresso la sua contrarietà. adnk



   

 

 

1 Commento per “Olanda, nuovo fronte: suicidio assistito per over 70”

  1. dal momento che in Italia si va in pensione solo quando ormai sei un rottame umano (67 anni almeno) e che se hai la sventura di sopravvivere a lungo diventi un peso per i tuoi parenti ( la pensione normale non ti basta neanche per pagarti la casa di riposo) , propongo al governo Monti di estendere il ” Privilegio di levarsi dalle palle” anche qui …. magari partendo dai 60 anni così si risolve anche il problema del posto per le nuove generazioni … dai Monti pensaci su!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -