Bandiera svizzera offende i musulmani

Miss Petrusic è la vicepresidentessa di una lobby musulmana di immigrati svizzeri e fin qui nulla di nuovo sotto il sole, anzi, sotto al luna visto che si parla di islam.

La “buona” nuova, è Miss Petrusic ha chiesto al governo svizzero di togliere dalla bandiera elvetica la tradizionale Croce greca in campo rosso, in quanto – secondo Miss Petrusic – è discriminatoria verso altre religioni.

Miss Petrusic sosteiene che è meglio tornare al vessillo di fine settecento, che non infastidisce i musulmani, e somiglia, testuale, “alla bandiera del Ghana” (ha gli stessi colori).

Missi Petrusic dimostra di vuoler fare sul serio. Infatti, a sostegno della sua richiesta ha annunciato una grande mobilitazione della comunità islamica per il mese di ottobre.

La notizia ha scatenato un putiferio e non solo in Svizzera. Sui più importanti giornali e nel mondo politico, La boutade di Miss Petrusic ha scatenato un vero e proprio vespaio. Pare di tornare ai minareti, dove c’è voluto un Referendum – che almeno sulla carta blocca la costruzione di nuove moschee e minareti.

Con questa singolare richeista si sono riaccesi gli animi e si è riaperto un doloroso ma necessario discorso identitario, legato alla questione più generale delle radici Cristiane dell’Europa.

Detto questo, vorremmo consigliare a Miss Petrusic di studiare un po’ meglio la situazione in Ghana, prima di lanciarsi andare in certe affermazioni. Il Ghana è una terra a maggioranza Cristiana e frontiera aperta per i pentecostali. E’ il Paese che ha accolto festosamente il presidente americano Obama.

Insomma, abbiamo come l’impressione che a spiegarglielo per bene Miss Petrusic avrebbe qualcosa da ridire anche sulla bandiera verde rossa e gialla della Svizzera….

 



   

 

 

4 Commenti per “Bandiera svizzera offende i musulmani”

  1. cosa di altro offende i musulmani?
    Dovremo eliminare gli “in-croci” nelle strade?( a pensarci ,ecco perchè si stanno facendo tante rotonde …) .
    Potremo ancora fare le addizioni ( + ) senza rischiare crisi mondiali?Ma ci hanno mai pensato , i musulmani ,che anche il segno x in fondo è una croce ruotata? Azz…. mi sono giocato le moltiplicazioni e la schedina del totocalcio!
    Chiaro che la “croce rossa” è offensiva anche quella , ma credo che al riguardo abbiano già protestato no? Ma hanno protestano anche quando li cura e sfama?
    Comunque la vedo brutta , qua finirà che non si potrà “in-croci-are” qualcuno per strada senza rischiare accuse varie e che dire dei computer che in-croci-ano i dati? E i cani poveretti che sono quasi tutti degli in-croci?
    E’ inutile , siamo incorreggibili quella parolina li ( la croce) fa parte del nostro modo di essere e di pensare al di là della religione .

  2. errata corrige : “Ma protestano anche quando li cura e li sfama?”

  3. La svizzera fornisce le guardie al vaticano, ultimi veri difensori della vita del PAPA, e paese cristiano, penso proprio, che certi deliranti messaggi non vengano nemmeno letti

  4. Se la signora in questione non approva la bandiera svizzera, nessuno la obbliga a vivere in quel paese, il mondo è tanto grande…..
    Sarebbe ora di finirla con tutte queste boutades, tutti si devono mettere in testa che l’Europa è la culla della cristianità e tale deve rimanere per sempre, quindi se ciò dà fastidio a certe persone, liberissime di andare a vivere altrove, ma certo non possono pretendere di voler imporre le loro idee a casa nostra!!!!
    Sarei curioso di sapere come reagirebbero gli abitanti di un Pese musulmano se qualcuno andasse a protestare perchè sulla bandiera compare la mezzaluna o perchè negli edifici pubblici è esposto lo stesso simbolo……

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -