Finti immigrofili: refugees welcome, ma non a casa mia

Un giornalista chiede ad alcuni immigrofili, che vagano in strada ostentando il cartello “refugees welcome”, di annotare il loro indirizzo per “accogliere un rifugiato a casa sua”. La risposta è scontata, hanno inventato tutta una serie di scuse, “niente da fare, non a casa mia”
I buonisti progressisti non si smentiscono mai, né in Italia, né all’estero.

SOSTIENI IMOLAOGGI
il sito di informazione libera diretto da Armando Manocchia

IBAN: IT59R0538721000000003468037 BIC BPMOIT22XXX
Postepay 5333 1711 3273 2534
Codice Fiscale: MNCRND56A30F717K